La bisbetica domata a Magione, martedì 21 febbraio VIDEO

E’ possibile acquistare i biglietti anche on-line sul sito del Teatro Stabile dell’Umbria

La bisbetica domata a Magione, martedì 21 febbraio MAGIONE – In Umbria, con un’unica recita al Teatro Mengoni di Magione, va in scena martedì 21 febbraio alle 21, l’indimenticabile opera di Shakespeare La bisbetica domata, che Francesco Niccolini ha riscritto lavorando “in rima” e Tonio De Nitto ha messo in scena firmando una regia intelligente e insolita. Con un gruppo di eccellenti attori, Dario Cadei, Ippolito Chiarello, Franco Ferrante, Antonio Guadalupi, Filippo Paolasini, Daria Paoletta, Luca Pastore, Fabio Tinella, il pubblico potrà rivivere le celebri vicende di Petruccio e Caterina, in uno spettacolo corale e visionario dove la musica e la rima concorrono a restituirci una sorta di opera buffa, caustica e comicamente nera.

Caterina l’inadeguata, la non allineata è considerata pazza. Dietro di lei, spigolosa ma pura e vera, un mondo di mercimoni, di padri calcolatori, di figlie in vendita, di capricci lontani dall’amore, di burattinai e burattini non destinati a vivere l’amore, ma a contrattualizzarlo. La nostra Caterina non sta a questo gioco e come in una fiaba aspetta, pur non mostrando di volerlo, un liberatore, un nuovo inizio che suo malgrado potrà costarle molto più di quanto immagini. Ed ecco che la commedia si fa favola nera, grottesca, più contemporanea forse, nel cinico addomesticamento che non è molto diverso dallo spietato soccombere.

“Caterina non si adegua. – dice Niccolini – Dice la verità. Dunque è pazza. Allora, io e Tonio De Nitto decidiamo di stare dalla parte di Caterina. Anche se è antipatica, anche se è manesca e sboccata. Ma divertente, e involontariamente un po’ infantile. La scena chiave, e involontaria confessione, è quando Caterina lega la sorella e picchia questa finta madonnina infilzata per farle dire chi è l’uomo che vorrebbe sposare: adolescenziale, svalvolata e romantica Caterina, altro che bisbetica. Sogna un mondo in cui ci si sposa per amore e non come una vacca data per l’accoppiamento dal padre padrone. E lo dice, ci prova, urla la sua rabbia contro il padre, e pure contro la sorella che piange e non reagisce.

Nella sua ingenuità trasparente, Caterina sbaglia con Bianca: perché la sorellina ha capito tutto, ha compreso che può diventare burattinaia ma solo se finge di stare alle regole del gioco. Bianca decide, e sposa chi le pare, ha fortuna e al tempo stesso sfrutta umori e buoi dei paesi suoi. Invece Caterina vorrebbe riscrivere le regole, dire di no al padre e allo sposo canaglia, costi quello che costi. E – inevitabilmente – gliela fanno pagare.” Si può prenotare telefonicamente, al Botteghino Telefonico Regionale 075/57542222, tutti i giorni feriali, dalle 16 alle 20. I biglietti prenotati vanno ritirati mezz’ora prima dello spettacolo, altrimenti vengono rimessi in vendita.

E’ possibile acquistare i biglietti anche on-line sul sito del Teatro Stabile dell’Umbria www.teatrostabile.umbria.it.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*