Unipegaso

Isee, ripartono i controlli a campione sulle dichiarazioni

Il 21 febbraio estrazioni casuali per le tre categorie oggetto di prestazioni agevolate

Isee, ripartono i controlli a campione sulle dichiarazioni MAGIONE – Partono i controlli a campione delle dichiarazioni Isee presentate per accedere alle prestazioni sociali agevolate, alle riduzioni ed alle agevolazioni tariffarie ed ai contributi di competenza di altri Enti, la cui procedura è demandata al Comune di Magione. Come previsto dal regolamento l’accertamento verrà effettuato su un campione a seguito di estrazione casuale che l’apposita commissione ha programmato per il 21 febbraio.

Il procedimento verrà eseguito alle ore 10.00, presso l’area socio educativa del Comune di Magione nella sede distaccata di viale Dante Alighieri, 2. In particolare, in tale seduta, si provvederà  all’estrazione in misura pari al 15% del totale delle domande pervenute, ordinate con l’ attribuzione di un numero progressivo,  in base al valore crescente dell’ISEE, così come numerate in relazione a ciascuna delle categorie.

Le categorie oggetto di controllo saranno le  agevolazioni tariffarie relative ai servizi scolastici di mensa e trasporto per l’anno scolastico 2016/2017; i contributi di competenza di altri Enti la cui procedura è demandata al Comune di Magione; i contributi per la fornitura gratuita o semigratuita dei libri di testo agli alunni della scuola secondaria di primo e secondo grado.

«Negli ultimi due anni – fa sapere Eleonora Maghini, assessore alle politiche sociali del comune di Magione – abbiamo avuto una diminuzione significativa delle richieste di esonero e agevolazioni. È certo  – spiega – che non si possa imputare solo a questo. Ma il lavoro dell’ufficio per garantire che i casi di false dichiarazioni vengano scoperti, insieme al serrato controllo sulle iscrizioni ai servizi (soprattutto di trasporto e mensa), al sollecito dei pagamenti, questi accertamenti rappresentano un’importante ulteriore strumento per incitare i cittadini a rispettare le regole».

«Riteniamo  questo – conclude  – un dovere sociale di grande importanza soprattutto in questo momento di grave difficoltà economica per molte famiglie  in cui è necessario che gli aiuti vadano effettivamente  a chi ne ha reale necessità».

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*