Botti Capodanno, consiglio comunale Città della Pieve boccia proposta di divieto del M5s

Batino: «Raccomando la massima prudenza a tutti»

Botti Capodanno, consiglio comunale Città della Pieve boccia proposta di divieto del M5s
Il sindaco Sergio Batino

Botti Capodanno, consiglio comunale Città della Pieve boccia proposta di divieto del M5s Il Consiglio comunale di Castiglione del Lago ha bocciato a larga maggioranza la proposta presentata dal Movimento 5 Stelle che intendeva porre il divieto di utilizzo di artifici pirotecnici, comunemente chiamati “botti“, in tutto il territorio comunale durante il periodo del Capodanno. Hanno votato contro i consiglieri di maggioranza più i 3 consiglieri del gruppo Progetto Democratico, mentre Pierino Bernardini di Forza Italia si è astenuto.

Ma il sindaco Sergio Batino intende lanciare una raccomandazione a tutti i cittadini. «Chiedo a tutti di osservare la massima prudenza nell’utilizzare i botti e i fuochi artificiali – ha dichiarato il sindaco – soprattutto vicino ai bambini. Invito tutti i cittadini ad utilizzare prodotti legali e non contraffatti che sono sicuramente molto più pericolosi. Infine consiglio ai proprietari di tenere gli animali domestici in casa o comunque in zone protette per evitare inutili sofferenze».

Anche la Questura di Perugia ha redatto una serie di semplici regole per stare tranquilli: acquistare fuochi d’artificio solo in rivendite autorizzate; verificare che abbiano tutti il marchio Cee e che contengano le istruzioni per il corretto utilizzo; i fuochi d’ artificio devono essere sempre acquistati da maggiorenni e di conseguenza anche utilizzati da persone adulte e con la massima cautela perché una distrazione può costare cara.

I più pericolosi sono i razzi e i petardi è attenzione anche alla loro conservazione: l’ingegner Fattorini dei Vigili del Fuoco di Perugia consiglia di sistemarli in luoghi asciutti, lontano da sostanze infiammabili e dai bambini. Quindi festeggiare sì ma sempre usando la testa.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*