Per la vertenza Trafomec di Tavernelle soddisfazione Paparelli

hanno partecipato i rappresentanti dei Comuni di Piegaro e Panicale

Per la vertenza Trafomec di Tavernelle soddisfazione Paparelli

Per la vertenza Trafomec di Tavernelle soddisfazione Paparelli

PERUGIA – Esprime “viva soddisfazione per aver contribuito a ripristinare un dialogo tra le parti, auspicando che ciò possa continuare in termini positivi anche nel futuro” il vicepresidente della Giunta regionale con delega allo sviluppo economico, Fabio Paparelli, sull’esito del tavolo regionale dedicato alla vertenza Trafomec di Tavernelle, gestito nell’ambito dell’Unità di crisi costituita presso l’assessorato alle Politiche per la competitività e crescita del sistema economico produttivo regionale,.

All’incontro hanno partecipato i rappresentanti dei Comuni di Piegaro e Panicale, di Sviluppumbria e Gepafin, delle RSU aziendali, delle organizzazioni sindacali di categoria e di una delegazione in rappresentanza del gruppo cinese INDUTEK cui appartiene il sito produttivo italiano di Panicale guidata dal Vice Presidente del Gruppo James Yu.

“Dal confronto odierno – ha sottolineato il vicepresidente Paparelli – è emerso il carattere strategico dello stabilimento di Panicale su cui il gruppo Indutek intende puntare, sia pure in un contesto competitivo globale nel settore non ancora avviato alla piena ripresa, per l’attivazione ed il potenziamento delle produzioni a maggiore valore aggiunto oltre che all’incremento della capacità commerciale combinata con l’innalzamento del contenuto tecnologico”.

Durante l’incontro impresa e sindacati hanno concordato la convocazione a breve di un ulteriore incontro in sede aziendale per affrontare tutta una serie di problematiche ancora aperte.

Tale incontro – hanno precisato le parti – sarà indetto prima dell’esperimento delle procedure amministrative presso alla direzione territoriale del lavoro relative ai tre lavoratori attualmente soggetti a procedura di licenziamento.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*