Tributo a Valerio Bittarello: La Vita e l’Eredità di un Iconico Operatore Culturale Pievese

Sottotitolo: Presentazione del Volume "Un Operaio Culturale a Città della Pieve", un Omaggio Corale alla Figura Pivotal per la Vita Culturale del Novecento

Tributo a Valerio Bittarello: La Vita di un Iconico Operatore Culturale

Tributo a Valerio Bittarello: La Vita e l’Eredità di un Iconico Operatore Culturale Pievese

Città della Pieve ha recentemente reso omaggio a uno dei suoi cittadini più illustri, Valerio Bittarello, figura di spicco nella vita culturale del Novecento. La presentazione del volume “Un Operaio Culturale a Città della Pieve” è stata un momento commovente, celebrato in una Sala Grande di Palazzo della Corgna davanti a una folta platea. Questo tributo, promesso in occasione dei festeggiamenti di San Pietro circa un anno fa, rappresenta un riconoscimento tangibile all’eredità lasciata da Bittarello, che continua a vivere nell’anima della sua amata città natale.

Il libro è il frutto del lavoro collettivo del Laboratorio sul Filo della Memoria, organizzato dalla Libera Università di Città della Pieve, istituzione alla quale Bittarello ha dedicato vent’anni di impegno come animatore e direttore dei corsi. Il curatore del volume, Gianni Fanfano, ha guidato i presenti attraverso una selezione degli scritti di Bittarello, offrendo una panoramica dell’ampio contributo di ricerca e approfondimento fornito dall’autore nel corso della sua vita.

La presentazione del volume è stata un’occasione per ricordare e celebrare i principali contributi di Bittarello alla comunità pievese. Fanfano ha sottolineato l’importanza del ruolo di Bittarello nel completamento delle ricerche sulla storia di Città della Pieve, attribuendogli il merito di aver contribuito al riconoscimento della città come centro culturale d’arte. Inoltre, Bittarello è stato il pioniere nel concetto di sistema e rete territoriale, rivoluzionando l’approccio alla pianificazione urbana.

Ma l’eredità di Bittarello non si limita alla storia cittadina: i suoi studi sul Palio, che hanno modellato l’attuale forma della celebre manifestazione, e il suo impegno presso la Libera Università, dove ha svolto il ruolo di docente e direttore dei corsi per molti anni, sono testimonianza del suo eccezionale contributo alla cultura e all’istruzione.

Il volume è stato realizzato grazie al sostegno del Comune di Città della Pieve e del Gal Trasimeno Orvietano, dimostrando il riconoscimento istituzionale dell’importanza di preservare e onorare la memoria di una figura così significativa per la comunità.

Il prossimo tributo a Bittarello verrà sottoforma di una mostra fotografica, curata da Alberto Ciani e prevista per l’estate. Questo ulteriore omaggio testimonia l’impatto duraturo e universale della vita e dell’eredità di Valerio Bittarello, che continua a ispirare e influenzare le generazioni future.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*