Giornate FAI di primavera a Magione, un successo la XXV edizione

Il Castello dei Cavalieri di Malta risulta il sito più visitato dell’intera regione superando le cinquemila presenze

Giornate FAI di primavera a Magione, un successo la XXV edizione

Giornate FAI di primavera a Magione, un successo la XXV edizione  MAGIONE – Fanno il pieno i tre luoghi del comune di Magione scelti dal Fondo ambiente italiano (Fai) per le Giornate del Fai a Magione. Per tutto il pomeriggio di sabato e la giornata di domenica si sono avute file ininterrotte per effettuare le visite al Castello dei cavalieri di Malta, alla Torre dei Lambardi e nella sala Dottori del Palazzo comunale. Grandissimo successo per questa XXV edizione che ha registrato un incremento di presenze in Umbria, con oltre il venti per cento in più rispetto all’anno precedente. Vero boom al Trasimeno per il percorso “Fra Giovanni, Machiavelli, Dottori: architettura, arte e paesaggio a Magione tra medioevo e futurismo”. Il Castello dei Cavalieri di Malta risulta il sito più visitato dell’intera regione superando le cinquemila presenze, con code interminabili per tutto il pomeriggio, con persone che pazienti e ordinate hanno atteso il loro turno.

Un vero lavoro di squadra che ha coinvolto istituzioni scuola e associazioni. «Esprimiamo piena soddisfazione – dichiara Luca Marchegiani, capogruppo del Fai Trasimeno –  per la riuscita di una manifestazione complessa. Il nostro ringraziamento va ai  tanti volontari che hanno saputo gestire con professionalità e cortesia momenti complicati, ai visitatori per la pazienza e compostezza con cui hanno affrontato le lunghe file, all’amministrazione comunale di Magione, in particolar modo al delegato alla cultura Vanni Ruggeri per aver creduto dal primo momento a questa nostra idea e per il grande lavoro condiviso in questi mesi».

Marchegiani ha quindi sottolineato l’importanza della collaborazione con l’Istituto tecnico economico Giuseppe Mazzini di Magione ringraziando il preside Filippo Pettinari, gli insegnanti e gli studenti che hanno fatto da “apprendisti Ciceroni”. «Un grande grazie – ha concluso – al Sovrano Militare Ordine di Malta nelle persone del dottor Segni e Fabrizio Leoni per la loro ospitalità, non scontata, e per come hanno collaborato e accolto le nostre richieste. Vogliamo ringraziare gli amici di Laboratorio Magione che sono stati una spalla importante e, soprattutto, lo storico Giovanni Riganelli per la sua grande professionalità. Il valore di un successo sta nella qualità delle collaborazioni e del sapere fare squadra: siamo sicuri che sarà l’inizio di un lavoro che continuerà a dare buoni frutti».

«Sono stati due giorni straordinari per Magione  – commenta Vanni Ruggeri, delegato alla cultura del Comune di Magione – arrivati a coronare, con un successo di pubblico senza precedenti, un lungo e appassionante percorso di valorizzazione e narrazione dei nostri siti culturali più significativi. Le giornate FAI di primavera non hanno certo bisogno di presentazioni: la forza di un progetto capace di far scoprire bellezze troppo spesso sconosciute, lasciandole raccontare dai ragazzi mobilitati come apprendisti ciceroni ha costituito anche per il nostro percorso da Fra Giovanni a Dottori, un format vincente e stimolante, dove i numeri parlano da soli. È stato un grande lavoro di squadra, reso possibile grazie all’entusiasmo di Luca Marchegiani, e condiviso con ragazzi e insegnanti dell’Istituto Mazzini, con i responsabili del Castello dei Cavalieri di Malta, e con i tanti volontari FAI che hanno partecipato all’iniziativa».

Eventi in Umbria

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*