In nome della Costituzione nasce la collaborazione con gli attori di UNITA

Nata per iniziativa dell’attore perugino Francesco Bolo Rossini proseguirà per attività future. Inaugurazione in diretta sulla pagina facebook Mep radio Umbria

 
Chiama o scrivi in redazione


Mostra_Costituzione_Magione_Francesco_Bolo_Rossini

Attori aderenti all’associazione Unita (Unione nazionale degli interpreti e audiovisivi) danno voce agli articoli della Costituzione italiana in occasione della mostra “La Costituzione si è mossa. Storia e storie attraverso gli anni Sessanta” organizzata dall’Assessorato alla cultura del Comune di Magione che verrà inaugurata il 2 giugno, alle ore17, negli spazi espositivi della Torre dei Lambardi a Magione.

L’inaugurazione sarà trasmessa in diretta sulla pagina Facebook Mep Radio Umbria

Tra le voci più note quella di Claudia Gerini, Fabrizio Gifuni, Stefania Rocca, della presidente Vittoria Puccini e dell’attore perugino Francesco Bolo Rossini che ha fatto da tramite tra l’associazione e l’Assessorato alla cultura del Comune di Magione che organizza l’evento.

Le letture degli articoli sono state realizzate al cellulare in luoghi aperti come giardini piazze o terrazze, a sottolinearne la nascita in un movimento nato nelle piazze e il concetto di libertà che questi rappresentano.

Unita nasce con lo scopo di dare voce alle esigenze di un settore in forte difficoltà

“Unita – spiega Francesco Bolo Rossini, attore umbro e delegato nazionale dell’associazione – ha accolto la proposta di collaborazione trovando molte attinenze tra quelli che sono stati gli ideali che hanno portato, dopo un periodo drammatico, alla promulgazione della Costituzione e gli scopi per cui abbiamo deciso di unirci. L’intenzione è di dare voce alle difficoltà che  questo settore sta vivendo ormai da tanti anni e che sono emerse in maniera forte durante la pandemia, avviando un percorso che possa portare alla attuazione di una legge che ne rappresenti le istanze. A farne parte sono circa 1200 attori tra cui personaggi noti, tra i fondatori troviamo Luca Zingaretti, Pierfrancesco Favino, Claudia Gerini; e meno noti al grande pubblico ma di elevata professionalità. L’idea è che questa collaborazione nata da questo eventi prosegua in futuro con altre iniziative tra cui il prossimo Festival delle corrispondenze”.

“Il proficuo rapporto con Francesco Bolo Rossini – aggiunge l’assessore alla cultura Vanni Ruggeri – e il territorio di Magione si è consolidato nel tempo grazie alle attività da lui realizzate con il teatro Mengoni e con la sua presenza al Festival delle corrispondenze. Grazie alla collaborazione con Unita la mostra, già ricca di testimonianze sul valore della Costituzione, si arricchisce di un ulteriore elemento di contemporaneità a dimostrazione della ricchezza di spunti e di riflessioni che questa esposizione offre”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*