Controllo mezzi pubblici e tutela attività medici generici, le proposte di Civica Piegaro

 
Chiama o scrivi in redazione


Controllo mezzi pubblici e tutela attività medici generici, le proposte di Civica Piegaro

Controllo mezzi pubblici e tutela attività medici generici, le proposte di Civica Piegaro

Mentre il dibattito politico sulle necessità e il destino del nostro paese incalza c’è un altro livello di attività politica che non rallenta il proprio corso: le amministrazioni comunali, in prima linea nelle battaglie di tutti i giorni. In prossimità del Consiglio Comunale di fine Luglio Civica Piegaro racconta alcune delle sue proposte.

Augusto Peltristo, capogruppo di Civica Piegaro, ribadisce il proprio impegno e quello dei suoi: “E’ stato un anno difficile e movimentato, per tutti, ma non per questo possiamo allentare la guardia e trascurare le necessità dei nostri concittadini. Serve essere produttivi ed attenti per garantire alla comunità quei servizi, quella qualità della vita e quella fiducia nelle amministrazioni di cui, oggi più mai, c’è tanto bisogno.”

E’ con questo spirito che Civica Piegaro presenterà nel corso del prossimo Consiglio comunale una Mozione per l’istituzione di un servizio di controllo sull’utilizzo dei mezzi comunali da parte dei dipendenti pubblici. “Una tale iniziativa,” dicono i rappresentanti dell’Opposizione, “è sinonimo di trasparenza, rispetto e sensibilità all’uso delle risorse pubbliche, valori che in questo periodo di crisi non possiamo permetterci di sottovalutare.”

Peltristo non rinuncia inoltre a parlare di sicurezza e salute pubblica: nell’occasione di cui sopra condurrà anche un’Interrogazione sull’attività ambulatoriale dei medici di medicina generale nel Comune di Piegaro. Lo scopo è quello di evitare l’ulteriore deterioramento di un servizio messo a dura prova dall’emergenza Covid nelle località di Castiglion Fosco e Pietrafitta. “Se davvero vogliamo conservare i nostri borghi e le nostre comunità non possiamo permettere che figure essenziali come quella del medico di base vengano meno, serve darsi da fare per garantire agli operatori sanitari le migliori condizioni operative” chiosa il consigliere.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*