Monumento Teardrop, simbolo dono sangue, distrutto incendio doloso

Monumento Teardrop, simbolo dono sangue, distrutto da incendio

Monumento Teardrop, simbolo dono sangue, distrutto incendio doloso

La notte di Capodanno a Magione è stata segnata da un evento sconcertante. Il monumento Teardrop, un simbolo del dono del sangue realizzato da Avis Magione e progettato dall’artista Giorgio Lupattelli, è stato distrutto da un incendio. Questo atto di vandalismo ha lasciato la comunità di Magione in stato di shock e dispiacere.

Il monumento, che si trovava nei giardini pubblici di Magione, è stato inaugurato di recente e ora non ne rimane nulla. Le autorità stanno indagando sull’accaduto, cercando di fare luce su questo gesto sconsiderato che ha distrutto un simbolo importante per la comunità.

Questo atto evidenzia una mancanza di senso civico e di rispetto per i beni pubblici. Il monumento rappresentava il messaggio del dono del sangue, un gesto che contribuisce ogni giorno a salvare vite nei nostri ospedali. La distruzione di questo simbolo è un duro colpo per la comunità.

Il Comune di Magione ha espresso la sua vicinanza all’Avis Magione e all’artista Giorgio Lupattelli e ha annunciato che si costituirà parte civile contro gli autori del gesto. L’obiettivo è ottenere una condanna esemplare per questo atto grave e pericoloso, e un risarcimento pieno del danno subito.

L’Avis aveva precedentemente richiesto al Comune di installare un sistema di videosorveglianza nei giardini pubblici, ma senza successo. Ora, dopo questo tragico evento, la necessità di tale sistema è ancora più evidente.

Simona Meloni, capogruppo del Partito Democratico, ha sottolineato l’importanza del dono del sangue e ha espresso la sua vicinanza all’Avis di Magione e all’artista Giorgio Lupattelli. Ha condannato il gesto sconsiderato e ha invitato chiunque abbia informazioni a farsi avanti, per rispetto della gente pulita e onesta di Magione.

In conclusione, l’inizio del 2024 a Magione è stato segnato da un evento tragico. Tuttavia, la comunità si sta unendo per affrontare questa sfida, con la speranza di ricostruire il monumento e rafforzare il senso di unità e rispetto reciproco.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*