Paciano, Settimana della riduzione dei rifiuti, studenti presentano il “calendario del lavoro”

 
Chiama o scrivi in redazione


Comune di Corciano, rifiuti, la Tari rimane invariata

Si avvia alle battute finali la “Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti” (Serr) di Paciano. Domani, venerdì 28 novembre 2014 alle ore 19,00, nella cornice di Palazzo Baldeschi gli alunni della locale scuola secondaria di primo grado presenteranno il “Calendario 2015”, dedicato al mondo del lavoro. Si tratta del prodotto finale di una serie di attività che hanno coinvolto tutte le classi della scuola. Il lavoro è stato svolto in collaborazione con un’azienda di Pò Bandino (Città della Pieve) che ha aperto le sue porte agli alunni della classe III, proiettandoli in una realtà nuova e anche molto coinvolgente.

L’obiettivo è stato quello di offrire ai ragazzi dell’ultima classe l’opportunità di conoscere la realtà occupazionale del territorio, per compiere scelte oculate e consapevoli anche riguardo al percorso di studi da seguire. Alla presentazione del calendario sarà presente tra gli altri la Vicepresidente della Regione Umbria Carla Casciari.

La “Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti” (Serr), a Paciano si è aperta lo scorso 22 novembre e, in linea con le direttive europee, è dedicata ai temi del riuso e riciclo dei rifiuti con una particolare attenzione allo spreco del cibo. Nella giornata di chiusura, sabato 29, dalle ore 10 ci sarà la “winter edition” di Let’s clean Up Europe, che prevede la raccolta di rifiuti abbandonati nel centro storico del Paese e nelle campagne circostanti. Verrà organizzata anche un’iniziativa specifica contro lo spreco del cibo che metterà a confronto i cittadini più anziani con quelli più giovani.

Alle ore 17, presso la sala Museo della Banca della Memoria a Palazzo Baldeschi, avrà luogo infatti l’incontro “La memoria del cibo: strategie di sopravvivenza alimentare nelle campagne umbre del dopoguerra” in collaborazione con Amici della Biblioteca, Oratorio di Paciano e CSA “Remo Boldrini”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*