Piegaro, cerca tartufi al Trasimeno fuori stagione, sanzionato

rischia annegamento

Doveva attendere ancora tre giorni, ma la fretta è stata cattiva consigliere. E’ accaduto nel comune di Piegaro, alle 20 del 28 maggio, quando un uomo è stato fermato e sanzionato dagli agenti della Polizia Provinciale, intenti ad effettuare un servizio di prevenzione e controllo sul territorio finalizzato al contrasto della ricerca illecita di tartufi.

La data fissata dalla legge Regionale per l’apertura della raccolta di tartufi è il 31 maggio. L’uomo fermato è stato trovato in possesso di numerosi tuberi (tartufo ‘scorzone’ (tuber aestivum)), che sono stati sequestrati.

Allo stesso è stato ritirato il tesserino per l’autorizzazione alla raccolta del tartufo che verrà sospeso per un periodo compreso tra i 6 mesi a i 2 anni. Con l’intervento della scorsa notte, nel corso del mese di maggio, sale a cinque il numero dei soggetti sorpresi a ricercare tartufi in periodo vietato nel territorio del Trasimeno da parte della Polizia Provinciale.

Eventi in Umbria

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*