Trasimeno, l’Oasi “La Valle”, a San Savino, fa il pieno di visitatori

SAN SAVINO – San Savino, 5 novembre ’14 – Cresce l’indice di gradimento dell’Oasi “La Valle” di San Savino. Secondo quanto riferiscono gli operatori della struttura, l’estate 2014 si è chiusa con un più 35% di visitatori rispetto allo scorso anno. Un trend positivo che ha  subito un vera e propria impennata ad ottobre, quando il numero di ospiti è addirittura cresciuto del 100%. A contribuire a questi risultati sicuramente anche il clima che, soprattutto nel mese scorso, ha regalato molte giornate calde e soleggiate. “Tale andamento, riferisce Maddalena Chiappini, si riflette anche sulle presenze scolastiche”. E’ ripartito dal 15 settembre il progetto “Conosci il territorio in cui vivi: alla scoperta del parco naturale del Trasimeno”, rivolto in forma prioritaria alle scuole del comprensorio del Trasimeno ed esteso, da questo anno, a tutte le scuole di ogni ordine e grado dell’Umbria.

Il progetto propone dieci diversi percorsi (alcuni laboratoriali, altri escursionistici), tutti rivolti allo studio, conoscenza, valorizzazione del Trasimeno, della sua natura, della sua biodiversità e del suo paesaggio. Le scuole che aderiscono entro novembre 2014 e realizzano i percorsi entro il 31 marzo 2015, hanno la possibilità di effettuare i laboratori o le escursioni con un costo pari al 50% del costo effettivo.

“Conosci il territorio in cui vivi” si propone non solo di favorire lo studio e la conoscenza del dell’ambiente Trasimeno, incentivando attività concrete sul e nel territorio, ma anche e soprattutto si propone come un momento di riflessione su quale straordinaria risorsa sia l’ambiente, il territorio, il paesaggio. Dal 15 settembre 2014 ad oggi già 612 ragazzi e 63 docenti di 31 diverse classi hanno aderito e realizzato almeno un laboratorio/escursione. “Il trend positivo registrato all’Oasi – commenta Chiappini – ci induce a fare una riflessione: vista la profonda crisi che ci attanaglia, in una società dove le priorità e l’attenzione delle persone sembrano rivolte a bisogni più ‘impellenti’, continuare a veicolare contenuti quali la sostenibilità ambientale, la tutela degli ecosistemi, la conservazione dei paesaggi ci sembrano risultati importanti e che vanno oltre i numeri e le percentuali di presenze”.

Eventi in Umbria

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Solve : *
7 + 15 =