25 aprile Magione. Istituzioni e associazioni celebrano la Festa della liberazione

#Resistenzatralerighe con la lettura fatta dai rappresentanti delle associazioni di volontariato comunali del testo della Costituzione italiana

 
Chiama o scrivi in redazione


25_aprile_associazioni_Magione
25_aprile_associazioni_Magione

#Resistenzatralerighe, la lettura in comune fatta dai rappresentanti delle associazioni di volontariato comunali del testo della Costituzione italiana per ribadire i valori per cui hanno combattuto e perso la vita gli uomini e le donne della Resistenza contro il nazi-fascismo, ha rappresentato uno dei momenti più intensi del programma delle iniziative promosse dal Comune di Magione in occasione del 25 aprile, Festa di liberazione dal nazi-fascismo.

25 aprile, la Costituzione letta dalle associazioni del territorio

© Protetto da Copyright DMCA

Un racconto corale a cui hanno aderito: Lorenzo Rondini, Aido; Roberto Taborchi, Avis; Andrea Baldassarri, Ilaria Trampolini e Andreina Panico per Arci-Soms; Luigi Bufoli, Lucia Ballerini e Francesco Rubeca per Associazione turistica proloco Magione; Gianni Dentini per Cisa-Unitre; Tatiana Bocciolini, Lorenzo Arrotini, Giulio Locchi e Camilla Pagliai per la Misericordia.

Per 25 aprile il sindaco  e le  Forze dell’ordine rendono omaggio al monumento ai caduti

L’iniziativa è stata preceduta dalla cerimonia istituzionale con deposizione della corona di alloro fatta dal sindaco Giacomo Chiodini alla presenza delle Forze dell’ordine, Polizia comunale  e Carabinieri, al Monumento ai caduti.

Presentati libri 36 di Luca Gatti e R.Ribelli Resistenza e Rock ‘N’ Roll di Marco Ponti e Christian Hill

Il programma della giornata si è chiuso con la presentazione di due libri legati al periodo storico: il romanzo storico 36 (Trentasei) di Luca Gatti, Bertoni editore, in cui l’autore ripercorre gli avvenimenti che portarono alla fascistizzazione dell’Umbria; e il romanzo per ragazzi R.Ribelli Resistenza e Rock ‘N’ Roll di Marco Ponti e Christian Hill, Feltrinelli editore.

25 aprile -L’intervento dell’assessore Vanni Ruggeri

“Anche quest’anno, purtroppo, – commenta l’assessore alla cultura Vanni Ruggeri – l’Italia intera è costretta a osservare da lontano la Festa della Liberazione ma la distanza fisica non è distanza dai valori che essa rappresenta: un momento di autentica consapevolezza civile e di rinnovata adesione democratica, per tutti. Non si tratta di celebrare un anniversario, ma di tenere viva la storia, respingendo con forza vulgate retoriche, formule autoassolutorie e comodi luoghi comuni, forse più insidiosi ancora di rimozioni, desistenze o amnesie, e promuovendo partecipazione e conoscenza in forme nuove e non episodiche. Per questo anche quest’anno, seppur a distanza, siamo tornati a dare corpo e voce alle parole della Costituzione che acquistano una forza simbolica ancora più forte lette dalla voce di persone impegnate ogni giorno tra la gente. Attraverso il prisma della letteratura speriamo di aver inoltre fornito strumenti di riflessione critica e antidoti all’indifferenza, oggi quanto mai necessari affinché quell’esperienza di quasi ottant’anni fa difficile, fragile, coraggiosa resti, nonostante tutto, la pietra d’inciampo su cui costruire giorno dopo giorno una cittadinanza capace di non smarrirsi nelle sfide del nostro tempo”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*