Il circolo LaAV di Magione ospita la scrittrice Giorgia Lanzilli

Letture ma anche ascolto, questi i due punti di forza che si incontra online venerdì 21 maggio

Giorgia_Lanzilli_Circolo_LaAV_Magione

Leggere e ascoltare sono i punti di forza del Circolo LaAV (letture ad alta voce)  recentemente costituitosi a Magione.
Per questo in occasione degli incontri quindicinali vengono ospitate anche presentazione di libri e incontri con gli autori.

Dopo Silvia Zoncheddu con il libro di fantasy La foresta dei due mondi venerdì 21, ore 21, sarà ospite la scrittrice Giorgia Lanzilli di cui è uscito recentemente per Mondadori il suo ultimo romanzo Sempre nasce un fiore storia di un’amicizia di donne, Giorgia Lanzilli, qui alla sua seconda prova narrativa dopo il fortunato Leggimi tra vent’anni, ci consegna una commovente storia di tenacia e di un legame così saldo che diventa famiglia, quello capace – ogni volta che cadiamo e ci sgretoliamo in mille pezzi – di raccoglierci e farci tornare interi.

Come per tutti gli incontri, chi lo desidera, potrà leggere un brano di pochi minuti a scelta.

Per partecipare all’incontro del Circolo LaAV

Chi fosse interessato a partecipare può scrivere a circololaavmagione@gmail.com per richiedere il link di accesso.

Cosa è un Circolo lettori ad alta voce

LaAV – Letture ad Alta Voce è una rete di circoli con diffusione a livello nazionale. La mission di LaAV è promuovere ad ampio raggio il valore della lettura come strumento efficace e alla portata di tutti per creare condizioni di benessere nell’ambito della società civile. Il motto di LaAV è #IOLEGGOPERGLIALTRI, un modo piacevole e salutare per mettersi a disposizione degli altri.

LaAV è organizzata in circoli locali. I circoli locali fanno riferimento al coordinamento nazionale ma ogni circolo organizza liberamente la propria attività quotidiana che può comprendere: Letture ad Alta Voce organizzate in modo fisso, grazie alla turnazione dei volontari, in reparti di ospedali, RSA, centri anziani, centri per adolescenti, centri per portatori di handicap e ogni altro luogo in cui vi siano persone sole, persone in difficoltà, persone portatrici di qualsiasi forma di disagio o svantaggio socio-economico o culturale.

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*