Secondo e terzo round della Women’s European Cup per il Team Trasimeno

Secondo e terzo round della Women’s European Cup per il Team Trasimeno

Secondo e terzo round della Women’s European Cup per il Team Trasimeno sulla pista del circuito Riccardo Tormo di Valencia in Spagna. Nella gara inaugurale al Misano World Circuit le tre pilote del team Trasimeno si erano ben comportate.

La spagnola Beatriz Neila Santos aveva conquistato il secondo gradino del podio, l’italiana Sara Cabrini aveva tagliato il traguardo in settima posizione mentre la turca Ilayda Yagmur aveva sfiorato la zona punti con il suo sedicesimo posto. Il weekend era iniziato nel migliore dei modi, visto che Neila Santos conquistava la pole position con il crono di 1’50”754. Sesto tempo e seconda fila in gara per Sara Cabrini 1’52”896, mentre Ilayda Yagmur aveva fatto segnare il diciassettesimo tempo (2’01”809).

Da notare che nessuna di queste due pilote aveva mai corso sulla pista spagnola. La seconda gara del campionato si è corsa sabato su pista asciutta, ma con temperature basse. Neila è scattata velocemente dalla pole position ed ha tenuto per tutta la gara un ritmo insostenibile per le sue avversarie, andando a vincere con oltre sette secondi di vantaggio sulla seconda classificata! La Cabrini ha tagliato il traguardo al sesto posto a pochi millesimi dalla quinta, mentre Ilayda, in non perfette condizioni fisiche, ha concluso al diciottesimo posto.

Domenica la Santos, che ha vinto le due prime edizioni della Women’s European Cup, ha ripetuto la gara del giorno precedente, dominando per tutti e dieci i giri e conquistando così un incredibile en plein: pole position e due gare!. Ottimo anche il risultato della Cabrini, quinta, mentre la pilota turca si era purtroppo dovuta ritirare per problemi fisici. A rovinare il weekend della squadra italiana e delle sue pilote arrivava però una brutta notizia dalla verifiche tecniche: le due moto giunte al traguardo, quella della Santos e quella della Cabrini non risultavano conformi ai regolamenti tecnici e le due pilote del Team Trasimeno venivano escluse dalla classifica della seconda gara.

Secondo i tecnici che hanno effettuato i controlli, del nastro adesivo fissato sulla parte inferiore del serbatoio (a protezione della pompa della benzina che nella Yamaha YZF-R3 è in plastica) veniva considerato come un isolamento termico ed una modifica al serbatoio. Al di la dello sconforto delle pilote, tutta la squadra è rimasta profondamente delusa da una squalifica sproporzionata rispetto alla (eventuale) irregolarità. Anche ammesso che il nastro adesivo venga considerato come un termoisolante che potrebbe quindi raffreddare la benzina contenuta dal serbatoio, resta il fatto che questo non può aver influito in nessun modo sulle due strameritate vittorie della Santos, e sulle ottime prestazioni della Cabrini (senza poi considerare che le basse temperature riscontrate nelle due giornate di Valencia non richiedevano certo la necessità di raffreddare ulteriormente la benzina).

Il team Trasimeno si è ovviamente riservato il diritto di fare ricorso ad una decisione ritenuta ingiusta per la gravità della penalizzazione nei confronti delle proprie pilote, prima ancora che per la possibile errata interpretazione del regolamento.

Moreno Bacchini – Team Principal: “Siamo veramente dispiaciuti per una penalizzazione tanto grave, a fronte di una presunta irregolarità che non può aver in nessun modo contribuito alle nette vittorie di Beatriz, ed agli ottimi risultati di Sara. Abbiamo posizionato quell’adesivo sulla parte inferiore del serbatoio solo per evitare che, in caso di un urto, la pompa della benzina in plastica si potesse rompere, facendo quindi cadere la benzina sul motore, con conseguenze immaginabili. Lo abbiamo fatto per la sicurezza, non certo per trarne un possibile beneficio. Siamo sempre stati rispettosi dei regolamenti e continueremo ad esserlo, ma presenteremo ricorso contro la decisione che ci ha penalizzato a Valencia, soprattutto per proteggere le nostre pilote, che si sono impegnate con tanto coraggio e tanta passione in pista e che non meritano una penalizzazione così grave”.

Beatriz Neila Santos: “Valencia è una delle mie piste preferite e anche grazie al lavoro della mia squadra sono riuscita ad essere subito veloce, conquistando la pole position. In entrambe le gare sono partita molto bene, e con la pista libera davanti ho potuto imporre il mio ritmo e vincere con tranquillità. Poi purtroppo è arrivata la doccia gelata della squalifica. E’ molto brutto dare tutto in pista e rischiare tanto, per poi essere squalificate per qualche pezzo di adesivo. Però siamo solo al terzo di nove round e quindi non ci diamo certo per vinti!. Andiamo a Vallelunga per dare il massimo, e per cercare di recuperare quello che ci è stato tolto in Spagna”.

Sara Cabrini: “Quello di Valencia non è stato un weekend facile. Non avevo mai visto questa pista e ho cercato di impararla nelle prove, per trovare le linee giuste ed un buon assetto per la mia Yamaha. Nelle qualifiche sono riuscita a conquistare il sesto posto in griglia e a fare una buona gara, restando saldamente in sesta posizione. La domenica in gara due, ho continuato a migliorare il mio feeling con la pista e ho fatto segnare tempi interessanti. È stata una gara molto divertente, combattuta fino alla fine con altre quattro pilote, in lotta per la quinta posizione, ed alla fine ho prevalso io. E’ stato un fine settimana in costante miglioramento, anche rispetto alla prima gara di Misano. Purtroppo dopo gara due mi è stato comunicato che ero stata squalificata per una presunta irregolarità tecnica. Devo ovviamente accettare la decisione dei commissari, ma non vedo l’ora di andare a Vallelunga per riconquistare il risultato che mi è stato tolto”.

Ilayda Yagmur: “ Non è stato un fine settimana dei migliori, soprattutto a causa delle mie condizioni fisiche. Non stava bene sin dal giovedì, ma ho cercato in tutti i modi di stringere i denti e di correre, anche per onorare il lavoro dei miei tecnici che si sono impegnati tanto. Inoltre non conoscevo la pista e sia nelle prove che nelle qualifiche ho fatto fatica a trovare un buon ritmo. In gara2 il dolore mi impediva di guidare e mi sono dovuta ritirare. Andrà certamente meglio a Vallelunga”.

Women’s European Cup – Autodromo Ricardo Tormo di Valencia – Spagna
Qualifiche- 1) Neila Santos (Yamaha) – 2) Sanchez (Kawasaki) – 3) Howden (Kawasaki) – 4) Bruno (Yamaha) – 5) Ponziani (Yamaha) – 6) Cabrini (Yamaha) ……… 17) Yagmur (Yamaha)

Gara2 – 1) Neila Santos (Yamaha) – 2) Sanchez (Kawasaki) – 3) Howden (Kawasaki) – 4) Bruno (Yamaha) – 5) Ponziani (Yamaha) – 6) Cabrini (Yamaha) ……… 18) Yagmur (Yamaha)

Gara3 – 1) Sanchez (Kawasaki) – 2) Bruno (Yamaha) – 3) Ponziani (Yamaha) – 4) Yochay (Yamaha) – 5) Cruciani (Yamaha……… n.c) Yagmur (Yamaha)
Neila Santos e Cabrini squalificate

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*