Una lunga storia per la Strasimeno, il principale evento sportivo del Lago

Una lunga storia per la Strasimeno, il principale evento sportivo del Lago

Una lunga storia per la Strasimeno, il principale evento sportivo del Lago

Una lunga storia per la Strasimeno, il principale evento sportivo del Trasimeno, che il prossimo 13 marzo raggiunge il traguardo della ventesima edizione. L’ “Acea Ambiente Strasimeno”, questa la corretta denominazione, è stata presentata questa mattina a Palazzo Donini di Perugia, sede della Giunta Regionale dell’Umbria alla presenza della presidente Donatella Tesei, dei sindaci del Trasimeno, degli organizzatori e degli sponsor della grande corsa che quest’anno vuole tornare ai fasti “pre covid”, a quell’edizione 2019 da record nella quale si erano disputate tutte e 5 le classiche distanze.
Donatella Tesei nei saluti ha ringraziato gli organizzatori con un plauso «per una corsa che rappresenta la ripartenza di una stagione turistica umbra che, a vedere i primi numeri, sembra rassicurante e incoraggiante, nonostante le preoccupazioni internazionali in questi ultimi giorni drammatici. La Strasimeno è un evento straordinariamente importante per lo sport ma che va oltre allo sport, per il Trasimeno e per l’Umbria, che rappresenta benissimo la voglia di stare insieme e che fa conoscere il nostro territorio».
Hanno partecipato alla conferenza stampa il consigliere regionale Eugenio Rondini, Massimo Aiello Commerciale e Business Development di Acea Ambiente srl, sponsor principale, il sindaco di Castiglione del Lago Matteo Burico, insieme alla vicesindaco e assessore allo sport Andrea Sacco, Sandro Pasquali sindaco di Passignano sul Trasimeno, Giacomo Chiodini sindaco di Magione, Thomas Fabilli assessore allo sport del Comune di Tuoro sul Trasimeno, Francesca Caproni Direttrice del GAL Trasimeno Orvietano, Carlo Moscatelli presidente Fidal Umbria: per gli organizzatori il presidente del comitato Giovanni Farano, presidente dell’ASD Filippide, con il vicepresidente Mirco Solfanelli e Enrico Pompei presidente dell’Atletica AVIS Perugia.
«Il Trasimeno si sente unito quando ci sono eventi così importanti – ha detto il sindaco castiglionese Matteo Burico – ed essere qui è molto significativo: noi vogliamo essere uno dei motori dello sviluppo in Umbria e ci sentiamo un pezzo importante della ripartenza per la nostra regione. Dobbiamo ringraziare gli organizzatori di questa splendida corsa, sempre appassionati e determinati nel superare ogni problema e ogni difficoltà. Per Castiglione del Lago, Comune Europeo dello Sport 2022, questo evento è il primo e quindi ha un significato ancora più importante per noi». Francesca Caproni ha ringraziato tutti ed ha sottolineato che l’intervento del GAL è motivato dalla sua valenza turistica e ambientale, una delle più importanti iniziative anche economiche del nostro territorio e una vetrina nazionale e internazionale.
Giovanni Farano ha spiegato alcuni interessanti aspetti della corsa che si correrà domenica 13 marzo con partenza da Castiglione del Lago alle ore 9:15. «Al momento l’andamento delle iscrizioni ha un trend molto positivo, sopra le più rosee aspettative, stiamo infatti sugli stessi numeri dell’edizione 2019 che fu quella dei record, presumibilmente ci avvicineremo ai 2000 partecipanti. Abbiamo adesioni da ogni parte d’Italia e negli ultimi giorni anche dall’estero: speriamo sia di buon auspicio non solo per la nostra corsa ma per una ripresa della normalità nel movimento podistico nazionale. Mancheranno sicuramente gli atleti provenienti da Russia ed Ucraina sempre ben rappresentati nelle ultime edizioni: vogliamo ricordare in particolare l’ucraino Eugenjj Glyva presente ben 6 volte e 2 volte vincitore alla Ultramaratona e che si era iscritto anche quest’anno: purtroppo non riuscirà a venire e il nostro pensiero va a lui e a tutti gli atleti coinvolti in questa tragica guerra, sperando che finisca il più presto possibile. La Strasimeno in 20 anni ha portato quasi 30000 atleti a cimentarsi sulle sponde del nostro lago e rappresenta un’ottima vetrina per l’atletica della nostra regione ma in generale per il nostro territorio che abbiamo contribuito a far conoscere meglio.
Massimo Aiello di Acea Ambiente ha confermato l’impegno della grande multiutility romana, da sempre molto attiva nel settore delle competizioni podistiche. Il percorso, ha spiegato Farano, nel corso degli anni ha subito modifiche anche sostanziali avvicinandosi sempre più allo specchio d’acqua, privilegiando quindi sempre di più l’ambiente lacustre ed inserendo sempre maggiori tratti di pista ciclabile. «Questa scelta permette agli atleti di correre per la quasi totalità del percorso in ambiente naturale e senza traffico: probabilmente è vero che abbiamo perso alcuni atleti che cercano un percorso maggiormente performante, ma sicuramente ne abbiamo acquistati molti di più con questa scelta. L’organizzazione ha sempre privilegiato la promozione del territorio credendo fortemente nell’aspetto della partecipazione legata al turismo ed i fatti ci hanno dato regione se è vero che in questi giorni stiamo ricevendo molte telefonate di atleti che non riescono a trovare strutture dove alloggiare. Va ricordato il grande impegno necessario per gestire 58 km di percorso con 5 arrivi nelle varie località e questo non sarebbe possibile senza la collaborazione di tante associazioni del volontariato del territorio: saranno circa 200 i volontari impegnati nelle varie mansioni. La Strasimeno non è però solo la gara della domenica: da alcuni anni stiamo proponendo anche delle gare riservate ai ragazzi che si svolgono il sabato e quest’anno saranno all’interno dello Stadio di Castiglione. La Strasimeno vuole essere anche una festa aperta a tutti anche se ancora per quest’anno sarà in forma ridotta nel rispetto dei protocolli covid, contiamo dal prossimo anno di tornare ad emozionare le centinaia bambini e famiglie che vogliono essere presenti all’evento. Voglio infine ringraziare anche tutte le forze di polizia del territorio che supportano la manifestazione e contribuiscono a ridurre criticità: tutti insieme, l’organizzazione, le amministrazioni, i volontari e le forze di polizia anche quest’anno cercheremo di dare un’immagine positiva e professionale della manifestazione e del territorio». I traguardi intermedi, tutti con partenza da Castiglione del Lago sono 10 km con arrivo a Borghetto di Tuoro sul Trasimeno, la Mezza Maratona di 21,097 km con traguardo a Passignano sul Trasimeno, la 34 km con traguardo a San Feliciano e la Maratona di 42,195 km con traguardo a Sant’Arcangelo. L’Ultramaratona, il giro completo del Trasimeno, misura 58 chilometri e si concluderà a Castiglione del Lago.
L’organizzazione ha omaggiato tutti i presenti con maglia ufficiale della Strasimeno corredata da pettorale numero 20 per ricordare la ventesima edizione della stessa.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*