Il commosso saluto della comunità di Magione a don Stefano, il parroco di tutti

Il nuovo Arcivescovo di Perugia e Città della pieve, Ivan Maffei, ha presenziato la cerimonia in cui è stata affidata la parrocchia a don Engjell Pitaqi

Don_Stefano_Orsini

Il commosso saluto della comunità di Magione a don Stefano, il parroco di tutti

La prima domenica dell’Avvento ha visto Don Stefano Orsini salutare i suoi parrocchiani.

Lascia infatti l’impegno di parroco dopo 54 anni di servizio sacerdotale in una comunità che ha ricambiato con l’affettuosa presenza la sua generosa dedizione e disponibilità nei confronti di tutti.

Alla presenza del nuovo Arcivescovo di Perugia e Città della pieve Ivan Maffeis, per la prima volta a Magione, e dei parroci del territorio comunale, si è svolta la cerimonia di passaggio dell’incarico di sacerdote  per la parrocchia San Giovanni Battista di Magione e di Montecolognola a don Engjell Pitaqi, già parroco di San Feliciano, Monte del lago e Torricella.

A ripercorrere i 54 anni di sacerdozio lo stesso don Stefano che ha ricordato gli inizi da giovane cappellano a Magione nella comunità di Colpiccione per poi spostarsi a Montecolognola, Torricella e nelle altre parrocchie del territorio fino a quella di Magione.

“In tante di queste comunità – ha affermato facendo i suoi auguri al nuovo parroco e confermandogli il più grande affetto – ho scoperto tanti amici che sono stati per me un buon esempio di vita cristiana. Ora, una cosa che potrò fare sicuramente è quella di dedicare più tempo alla preghiera.”

È stato lo stesso don Stefano a chiedere al vescovo di poter lasciare l’incarico anche se, ha assicurato, non farà mancare la sua presenza laddove fosse necessario. Lo stesso padre Engjiel  ha dichiarato l’importanza dei suoi consigli per affrontare questo nuovo impegno. Don Stefano continuerà a risiedere nell’abitazione parrocchiale.

Oltre ai parrocchiani erano presenti il sindaco Giacomo Chiodini e il vicesindaco Massimo Lagetti, i confratelli della Misericordia di Magione, rappresentanti di associazioni del territorio, i gruppi di catechisti.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*