Incidente via Pievaiola, venerdì sera l’ultimo saluto a Luka Cifci

Incidente via Pievaiola, venerdì sera l'ultimo saluto a Luka Cifci

Incidente via Pievaiola, venerdì sera l’ultimo saluto a Luka Cifci

Sarà dato venerdì 21 ottobre 2022, alle ore 21, nella chiesa di Castiglione del Lago (Pg), dove risiedeva ed era conosciuto e ben voluto da tutti, l’ultimo saluto a Luka Cifci l’appena ventitreenne che ha perso la vita a causa del tragico incidente stradale successo all’alba di venerdì 14 ottobre nel territorio comunale di Corciano, lungo via Pievaiola.

La salma del giovane sarà materialmente sepolta domani, giovedì 20 ottobre, alle 15, nel cimitero di Castiglione, ma la mamma ha deciso di far celebrare una messa in suo ricordo l’indomani sera per dare modo di partecipare a tutti i tantissimi amici del figlio.

Nel pomeriggio di lunedì 17 ottobre, presso l’ospedale Santa Maria della Misericordia di Perugia, è stata effettuata l’autopsia disposta dal Pubblico Ministero della Procura di Perugia, dott. Gennaro Iannarone, titolare del procedimento penale per omicidio stradale subito aperto a carico del conducente dell’autoun’Alfa Romeo 147, di cui la vittima era passeggero.

Com’è tristemente noto l’amico e pressoché coetaneo (ha 24 anni) di Cifci, anche lui di Castiglione del Lago, per cause che saranno oggetto dell’inchiesta, all’altezza della rotatoria di ingresso a Castel del Piano, ha perso il controllo della potente auto sulla quale, oltre a Luka, trasportava altri due giovani di ritorno da una serata passata in una discoteca di Perugia, impattando con violenza contro il guardrail: uno schianto devastante che non ha lasciato scampo al ventitreenne.

L’esame autoptico, eseguito dal dott. Massimo Lancia, il medico legale incaricato ad hoc dal Sostituto Procuratore, non ha fatto che confermare come il decesso sia stato dovuto esclusivamente ai gravissimi politraumi riportati nello schianto, in particolare al capo.

Alle operazioni peritali ha partecipato anche il dott. Sergio Scalise quale medico legale di parte messo a disposizione da Studio3A-Valore S.p.A., società specializzata a livello nazionale nel risarcimento danni e nella tutela dei diritti dei cittadini a cui si sono rivolti i congiunti di Luka per fare piena luce sui fatti, attraverso il consulente legale Matteo Cesarini e con la collaborazione dell’avv. penalista Cristian Rosa, del Foro di Arezzo: il ragazzo lascia in un dolore senza fine la mamma Marsela, che con lui ha perduto l’unico figlio, e la nonna Aferdita che vive in Albania, il Paese di origine del ragazzo, nato in Grecia ma stabilitosi in Italia da quando aveva 12 anni.

Una volta ultimata l’autopsia, l’autorità giudiziaria ha rilasciato il nulla osta per la sepoltura e così la mamma ha potuto fissare la data dell’ultimo saluto, che sarà partecipatissimo.

Luka infatti a Castiglione del Lago, dov’era cresciuto, e in tutta la zona era conosciutissimo, aveva frequentato l’istituto superiore Angelo Vegni delle Capezzine, a Cortona, in provincia di Arezzo, e aveva messo a frutto i suoi studi intraprendendo con successo, da più di due anni, l’attività di chef presso il ristorante Squad Garden, nel centro storico della sua cittadina. Non si contano gli amici che aveva e con cui condivideva anche altre passioni, come quella per la musica rap e trap, come testimoniano le centinaia di commossi messaggi di cordoglio sui social, tra cui quello della sua ex Scuola.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*