Spacci, evasione e furto: un arresto e due denunce

 
Chiama o scrivi in redazione


Trovato morto in casa a Ponticelli, probabile overdose, indagini

I Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Cortona hanno tratto in arresto un 28enne della provincia di Perugia, senza fissa dimora, per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

© Protetto da Copyright DMCA

Verso le 16.30 del 17 marzo 2015, nell’ambito di un servizio preventivo di controllo del territorio, i militari dell’Arma fermavano in via della Valle in Foiano della Chiana l’uomo che, sottoposto a perquisizione personale, veniva trovato in possesso di circa 13 grammi tra anfetamina e chetammina, 3 grammi di LSD, 5 francobolli impregnati di LSD e la somma in contanti di 520 euro, presumibile provento di spaccio.

L’arrestato è stato trattenuto dai Carabinieri presso la camera di sicurezza della Compagnia Carabinieri di Cortona, in attesa del giudizio per direttissima previsto per la mattinata odierna.

I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di San Giovanni Valdarno hanno denunciato in stato di libertà per evasione un 30enne marocchino, residente in provincia di Latina, ma agli arresti domiciliari in un centro di recupero del Valdarno.

Nel corso dei controlli periodicamente effettuati dai militari dell’Arma nei confronti delle persone sottoposte a misure restrittive della libertà personale, l’extracomunitario non veniva trovato presso il luogo dove stava scontando gli arresti domiciliari, rendendosi al momento irreperibile. Veniva pertanto deferito all’Autorità Giudiziaria.

I Carabinieri della Stazione di Camucia hanno denunciato in stato di libertà per furto aggravato in concorso un 22enne rumeno, domiciliato a Roma.
A conclusione delle attività d’indagine i militari dell’Arma accertavano che il 18 novembre 2014 l’uomo, insieme a due donne in corso di identificazione, recatosi presso un supermercato in Camucia, aveva prelevato articoli di vario genere, per un valore di circa 100 euro, riuscendo a deludere i controlli. Lo stesso veniva pertanto deferito all’Autorità Giudiziaria.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*