Luci sul Trasimeno 2021, si è spento l’albero

 
Chiama o scrivi in redazione


Luci sul Trasimeno 2021, si è spento l'albero. L’Albero di Natale disegnato sull’acqua più grande del mondo pronto per nuovi record

Luci sul Trasimeno 2021, si è spento l’albero

Si è chiuso domenica Luci sul Trasimeno 2021: «L’albero più bello del mondo si è spento ma restano accesi i sogni di un intero territorio per un futuro più radioso» ricordano gli organizzatori dell’associazione Eventi Castiglione del Lago che tracciano un bilancio che resta positivo in un contesto di difficoltà e in un quadro di incertezza legato alla pandemia, purtroppo in pieno sviluppo a livello mondiale.

«Nonostante la pandemia, e la conseguente paura che si è generata tra la gente, non immaginavamo tanto successo di pubblico: aver attirato a Castiglione decine di migliaia di visitatori da tantissime regioni italiane è un risultato estremamente positivo in queste condizioni» spiegano gli organizzatori.

Anche l’atto finale di domenica 9 gennaio non è stata una tradizionale cerimonia di chiusura, come nella passata edizione, ma un evento dedicato agli oltre 100 volontari che hanno garantito la sicurezza del Percorso del Belvedere, controllato biglietti e green pass, fornendo spiegazioni, regalando notizie e curiosità alle decine di migliaia di spettatori, sfidando il freddo, il vento e la pioggia: un’organizzazione ben supportata dal Comune di Castiglione del Lago e dalla Polizia Locale e che ha avuto i complimenti anche dalla Prefettura di Perugia e che ha fatto di Luci sul Trasimeno l’unico evento che è continuato regolarmente in Umbria con un accesso al pubblico sempre controllato e in sicurezza.

Piano di sicurezza e controlli all’ingresso la cui efficacia è confermata anche dal tasso di positività locale che, stando ai datti attuali, non solo è in linea con la media Umbra, ma è addirittura più basso di altri comuni di pari dimensioni.
Sempre in crescita anche la visibilità dell’evento e i dati dei contatti nei social media lo certificano: un ottimo incremento del 65% di fans rispetto a due anni fra, 740 ore di filmati guardati e ben 1,5 milioni di “impressions” sui post. Un grande risultato anche sulla stampa e sulle televisioni italiane e internazionali, con servizi giornalistici rilanciati da importanti testate in AustraliaStati Uniti e Sud America.

«Il risultato ci dà molta soddisfazione – ha dichiarato il presidente di Eventi Marco Cecchetti – con una grande risposta di cittadini, associazioni ed imprese. Più di 50 imprese hanno supportato il progetto da subito, aderendo con entusiasmo: poi la campagna adotta una luce ha sensibilizzato ancora i nostri cittadini ed i turisti. Ma quello che abbiamo fatto sin dall’inizio è stato lavorare per la comunità, coinvolgendo tutte le associazioni del territorio. La serata di chiusura non è stata destinata all’incasso, ma ai volontari che hanno lavorato e collaborato al progetto: per loro abbiamo fatto l’ultimo spettacolo».
Anche il Guinness World Records, il celeberrimo Guinness dei Primati, ha contattato gli organizzatori pur senza segnalazione diretta e tra pochi giorni verranno aperte le procedure per essere riconosciuti ed inserire l’Albero nel famoso libro.
Questi eventi sono segno tangibile del contributo economico che si può dare al territorio e alla promozione dello stesso; è in fase di completamento uno studio promosso da Eventi sull’impatto generato in termini di “notorietà” sul nostro territorio e sul Lago Trasimeno in genere. Sarà presentato a breve – spiega Filippo Santiccioli, consigliere di Eventi delegato alla comunicazione – ma i primi dati sono molto incoraggianti ed indicano chiaramente che investimenti in manifestazioni di alto livello generano ottimi risultati, forse maggiori della comunicazione di destinazione in se perché incentrati sul contenuto ossia sul “perché” devo andare a vedere un luogo, specie se magico come il nostro».
Ma Eventi Castiglione del Lago non si ferma mai. Mentre si stanno smontando le installazioni, vengono riavvolti i circa 7 chilometri di cavi con quasi 2.600 lampadine e soprattutto tolti i 165 pali portanti di 9 metri piantati sul fondo del Trasimeno, iniziano i progetti e i preparativi per la Festa del Tulipano di aprile, evento primaverile che è ormai un “classico” appuntamento per l’Umbria.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*