Olivagando. Dolci sorprese e degustazioni nelle attività commerciali di Magione

Degustatu e Olicioccolando sono nel programma di Olivagando organizzata dall’assessorato alle attività produttive in collaborazione con commercianti e pubblici esercizi

 
Chiama o scrivi in redazione


Olivagando_Magione

Dolci sorprese con l’iniziativa Olicioccolando e un percorso di degustazioni nel programma di Olivagando organizzato dall’assessorato alle attività produttive del Comune di Magione.

Per tutto il periodo di Olivagando con Olicioccolando in ben 39 attività commerciali, pubblici esercizi e di ristorazione del centro storico, viale Umbria e zone limitrofe, per ogni acquisto si potrà pescare un cioccolatino della fortuna con il quale si potrebbe vincere un premio da poter ritirare nello stesso negozio o in una delle tante attività che hanno aderito all’iniziativa. Le attività aderenti all’iniziativa sono identificabili tramite apposito volantino collocato all’ingresso.

Sono invece sei le degustazioni che si possono fare con il percorso Degustatu in programma domenica 14 novembre dalle 17 alle 20. Il percorso parte da viale Umbria con un aperitivo al Copper 23 per poi proseguire con un assaggio di Spaghetti olio acciughe e pangrattato al ristorante La cantinaccia in via XX Settembre nel centro storico da cui si può proseguire verso La Cucineria del Frontone, via Garibaldi, per degustare una focaccia all’olio ripiena da accompagnare con un buon bicchiere di vino offerto dal BDM, ex- Arthur Rimbaud cafè in corso Marchesi. Per chiudere sempre in via XX Settembre biscotti all’olio al Bistrò 1970 e gelato all’olio nella gelateria Sottozero in corso Marchesi. Info e prenotazioni: 3349047739.

“Le attività commerciali – commenta l’assessore Silvia Burzigotti – sono protagoniste di questa edizione di Olivagando. L’unione fa la forza, e credo che iniziative come queste che vedono insieme attività di tutto il capoluogo siano fondamentali per rafforzare questo comparto che, come tanti altri, sta uscendo a fatica da un periodo di crisi”

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*