Aperto il confronto fra Progetto Democratico e PD di Castiglione

Si lavora ad un programma condiviso in vista delle Elezioni 2019

Il Partito Democratico e l’Associazione Progetto Democratico hanno aperto un confronto politico per condividere e sviluppare un programma amministrativo in vista delle Elezioni comunali del 2019. All’incontro di martedì scorso hanno preso parte le delegazioni dei due gruppi politici che hanno redatto un comunicato congiunto, il primo dal 2009 quando si consumò lo “strappo” e l’uscita molto polemica di una serie di esponenti-fondatori dal PD, a pochi mesi dalle comunali che elessero per la prima volta a sindaco Sergio Batino.

«Partito Democratico e Progetto Democratico di Castiglione del Lago comunicano, con reciproca soddisfazione – si legge nel comunicato firmato da Maria Laura Sebastianelli, segretaria comunale PD, e da Stefano Nuccioni, presidente di Progetto Democratico – che dopo anni di conflitti su scelte amministrative e di assenza della politica, si è ritenuto utile aprire un confronto. In data 13 febbraio si è tenuto un incontro di due delegazioni dove sono state sommariamente condivise le tematiche  comunque oggetto di impegno programmatico per l’amministrazione prossima ventura quali: bisogni sanitari crescenti, disagio sociale ed episodi sempre più numerosi di criminalità, qualità ambientale e sofferenza della viabilità, necessaria valorizzazione di lungolago, poggio e centro storico, situazione delle periferie urbane e vitalità delle frazioni, integrazione tra i comuni del Trasimeno, linearità dei procedimenti amministrativi; sono tutte questioni che, unitamente alla fondamentale rivitalizzazione economica del territorio, meriteranno la massima cura ed attenzione.

Sono stati più dettagliatamente affrontati specifici temi con risvolti amministrativi imminenti sui quali si è potuto condividere che: il problema dei parcheggi e della mobilità per l’accesso al centro storico, in relazione alle necessità commerciali e di utenza ospedaliera in periodi di afflusso turistico, deve comunque essere risolto salvaguardando l’ambiente e la tutela del paesaggio; nell’area comunale dell’ex mattatoio è prioritario l’insediamento in tempi brevi del nuovo Distretto Sanitario; nell’area ex Aeroporto, definita la valenza del progetto acquario, si ravvisa la necessità di un piano complessivo di utilizzo, riguardante gli spazi e volumi recuperati e recuperabili, le manifestazioni consolidate e le nuove iniziative da promuovere, la necessità di approntare un piano economico-gestionale ed una regolamentazione d’uso del sito nel suo complesso; per la migliore evoluzione del centro storico di Castiglione del Lago, la sua vitalità residenziale e di attrazione turistica e commerciale, è necessario definire in modo organico la destinazione e funzionalità di edifici pubblici quali il palazzo comunale, l’ex asilo Reattelli, l’immobile sito in piazza Mazzini e il Cinema Caporali.

Si è preso atto che su queste questioni persistono aspetti importanti da definire e si è convenuto di aggiornare il confronto necessario a dopo le imminenti Elezioni politiche. Si è ribadita comunque l’importanza del dialogo e rispetto tra forze politiche e associazioni che si richiamano a valori del progresso per l’emancipazione dai bisogni collettivi e la crescita della persona».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*