Duecento lavoratori in nero e irregolari scoperti dalla Finanza di Arezzo

Arezzo:Denunciati 2 imprenditori.Scoperti 136 lavoratori al nero e 165 rapporti di lavoro irregolari
AREZZO – Si è conclusa in questi giorni una complessa indagine effettuata dalla Guardia di Finanza di Arezzo, in collaborazione con la locale Direzione Territoriale del Lavoro, che ha portato all’individuazione di 136 lavoratori totalmente al nero e di 165 rapporti di lavoro irregolari, ed alla denuncia dei responsabili di due società che operavano dietro il paravento di una cooperativa sociale, creata ad hoc, per aggirare la normativa e conseguire indubbi vantaggi fiscali e contributivi.Ad insospettire gli investigatori delle Fiamme Gialle erano state le tariffe assai concorrenziali praticate, in quanto il personale “reclutato” veniva retribuito con un costo orario pari a circa 5 €, molto inferiore rispetto a quello previsto dai contratti collettivi di categoria per i lavoratori del settore socio-sanitario, assistenziale ed educativo.

Il servizio, nel suo complesso, si è concluso con l’individuazione di 301 posizioni lavorative irregolari e/o al nero, e la constatazione di violazioni in materia di II.DD. per oltre 600.000 euro e di IVA per circa 100.000 euro, nonché con l’irrogazione di maxi sanzioni per lavoro nero per oltre 2 milioni di euro ed il recupero contributi per circa 500.000 euro, a fronte di retribuzioni evase per oltre 1.300.000 di euro.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*