Cena mongola a Magione a ricordo dell’impresa di Fra Giovanni di Pian di Carpine

Cibi, musiche e danze tipiche della Mongolia allieteranno la serata in programma il 2 marzo

Cena mongola a Magione a ricordo dell'impresa Fra Giovanni di Pian di Carpine
Cena_Mongolia_Magione

Cena mongola a Magione a ricordo dell’impresa Fra Giovanni di Pian di Carpine

Cena mongola – Il fascino della Mongolia, celebre per i suoi panorami mozzafiato e per l’incredibile cultura nomade degli eredi di Gengis Khan, protagonista della cena di amicizia, e di scambio culturale, con Magione in programma il 2 marzo al ristorante Il borgo sul lago, Monte del lago, Magione (Pg).

Cibi, musiche e danze tipiche della Mongolia allieteranno la serata in programma il 2 marzo

Organizzata dall’Associazione Turistica Pro Magione, dall’ Associazione Mongolia Italia di Ulaan Bator e CISA-Unitre, con il patrocinio del Comune di Magione e il contributo di Great Chinggis Empire e Bayan Zhambala Cashemere, l’iniziativa “Sapori suoni e colori dalla Mongolia” intende ricordare il legame che unisce le due comunità in nome della figura di Fra Giovanni da Pian di Carpine che tra il 1245 e il 1247, primo occidentale, raggiunse Karakorum, cuore dell’impero mongolo, per tentare una soluzione diplomatica alle continue minacce di invasione militare dell’Europa.

Una serata unica in cui sarà possibile rivivere le atmosfere del lontano paese grazie a gruppi musicali e di danzatori provenienti dalla Mongolia che animeranno diversi momenti della cena. Poche cucine sono affascinanti come quella mongola, che riflette l’identità di un popolo di allevatori e cacciatori nomadi.

L’iniziativa in programma consente di condividere non soltanto il cibo ma, anche, quelli che sono due degli elementi che contraddistinguono quella cultura durante il pasto: il tempo e la condivisione, presupposto per la costruzione di un forte legame di amicizia che, grazie a Fra Giovanni, unisce queste due lontane comunità.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*