Dal braille a Dottori, per 160 studenti e studentesse si apre l’affascinante mondo dell’arte

Con il progetto europeo “Per la scuola-competenze e ambienti per l’apprendimento” vinto dal Circolo didattico di Magione

Circolo:didattico_Magione_braille

Dal braille a Dottori, per 160 studenti e studentesse si apre l’affascinante mondo dell’arte  – Anche lo studio del braille, il sistema di scrittura e lettura a rilievo per non vedenti e ipovedenti, tra i cinque laboratori proposti dal Circolo didattico di Magione che stanno coinvolgendo 160 tra studenti e studentesse grazie al progetto europeo “PON-potenziamento dell’educazione al patrimonio culturale, artistico e paesaggistico” vinto dall’istituto scolastico. La frequenza alle attività che si svolgono la mattina con insegnanti ed esperti, per una durata di due settimane, è gratuito.

“Diversamente uguali, la mappa del territorio per persone con deficit visivo”

Il laboratorio “Diversamente uguali, la mappa del territorio per persone con deficit visivo” è rivolto alle classi quarte e quinte che si confronteranno, forse per la prima volta, non solo con una nuova tecnica di scrittura e lettura ma, attraverso piccoli esperimenti, conosceranno una diversa percezione del mondo che li circonda. Essendo tutto il progetto finalizzato alla valorizzazione e conoscenza e potenziamento dell’educazione al patrimonio culturale, artistico e paesaggistico, il lavoro finale avrà anche lo scopo di realizzare una piccola presentazione scritta con il codice in rilievo braille di un monumento del territorio comunale. A questo scopo è stato scelto il Castello dei cavalieri di Malta.

visite alla biblioteca comunale

L’opera e l’epoca della poetessa Vittoria Aganoor Pompilj, con visite alla biblioteca comunale dove sono conservate lettere riviste libri legati a questo personaggio del mondo culturale locale, sono l’oggetto di studio del modulo “I luoghi della poesia”. L’opera di Gerardo Dottori, con visita ad alcuni dei luoghi del territorio di Magione in cui sono conservate opere dell’artista futurista, è il punto di partenza per i due moduli “Science&art: yes we stem” e “Falsi d’autore”. La rilettura dell’opera di Dottori, la sua scomposizione fino ad una semplificazione che consenta di arrivare alle forme geometriche più semplici, il suo rapporto con la velocità sono alcuni degli elementi che gli esperti utilizzeranno per consentire ai bambini e alle bambine che seguono questi due moduli di entrare nell’affascinante mondo dell’arte.

«I progetti autorizzati  – spiega Giovanna Filomeni, dirigente scolastica del Circolo didattico di Magione – vogliono sensibilizzare le studentesse e gli studenti al proprio patrimonio culturale, artistico e paesaggistico con l’obiettivo di superare la frammentazione delle discipline con l’utilizzo anche delle tecnologie».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*