A Magione in arrivo 30 studenti provenienti dall’Australia per lo scambio culturale scolastico

Incontro ufficiale lunedì 2 ottobre, ore 9, presso l’aula verde della scuola Lombardo Radice di Magione. Interverranno il senatore Francesco Giacobbe e l’assessore regionale Antonio Bartolini

 
Chiama o scrivi in redazione


MAGIONE  – Incontro ufficiale lunedì 2 ottobre, ore 9, presso l’aula verde della scuola Lombardo Radice di Magione, tra gli alunni delle classi quarte e quinte della locale scuola primaria e la delegazione di trenta studenti della scuola bilingue di Sidney, arrivati con insegnanti e genitori, grazie al gemellaggio tra le due scuole realizzato grazie all’Università per Stranieri di Perugia ed il Co.As.It. l’associazione nata nel dopoguerra in Australia per aiutare gli italiani emigranti in quel paese oggi promotrice della lingua e della cultura italiana nel mondo.

Il progetto nasce dalla collaborazione con la signora Sara Villella, manager Co.As.It. di Sydney (Associazione per l’assistenza agli italiani), l’ente gestore che detiene la responsabilità fiduciaria per la scuola italiana bilingue che, nel 2010, dopo aver esaminato la documentazione sulle scuole da lei visitate scelse quella di Magione per l’offerta formativa variegata e organica e per la ricchezza culturale del territorio. Da allora, studenti australiani seguono, per il periodo della loro permanenza, le attività didattiche della scuola magionese.

All’incontro interverranno il senatore Francesco Giacobbe, componente del Comitato italiani in Australia, Antonio Bartolini, assessore alle riforme e all’istruzione della regione Umbria; Sabrina Boarelli, direttore Ufficio scolastico regionale per l’Umbria; Anna Comodi, Università per stranieri di Perugia; Sara Villella, manager Co.As.It. di Sydney (Associazione per l’assistenza agli italiani); per il comune di Magione il sindaco Giacomo Chiodini e l’assessore alle politiche scolastiche Eleonora Maghini; Giovanna Filomeni, dirigente scolastica del Circolo Didattico di Magione.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*