Morte bimbo di 2 anni, la madre ammette davanti ai consulenti nominati dal giudice

 
Chiama o scrivi in redazione


Morte bimbo di 2 anni, la madre ammette davanti ai consulenti nominati dal giudice

Morte bimbo di 2 anni. La mamma ungherese ammette per la prima volta di aver ucciso il figlio Alex di due anni. Lo ha fatto con i consulenti del nuovo collegio di periti incaricato dal tribunale di Perugia. Lo riporta oggi la Nazione Umbria in un articolo. La donna ungherese, in carcere dalla sera del 1 ottobre 2021, ha cambiato più versioni nel corso dei mesi.

La Procura di Perugia non ha mai avuto dubbi sui fatti di quel pomeriggio a cominciare dalle immagini dei sistemi di videosorveglianza, alle tracce trovate sul luogo del delitto e alle dichiarazioni dei testimoni.

La madre è stata ripresa dalle telecamere a Po’ Bandino. Si vede secondo quanto appreso solo lei con il bambino mentre percorreva il sentiero che porta al rudere dove è avvenuto il delitto, poi ancora sempre sola, con il figlio in braccio, questa volta ferito e verosimilmente già privo di vita quando giunge nel supermercato, chiedendo aiuto.

Si è anche parlato della ferita da taglio all’avambraccio sinistro della donna. Per il Gip sembra una messinscena. Ma anche il coltello che la donna aveva in tasca per «difendersi dagli immigrati, che violentano le donne e uccidono i bambini» aveva detto la madre.

I nuovi periti hanno chiesto di vedere tutto il fascicolo relativo all’autopsia e le carte ungheresi. Il Tribunale aveva stabilito che il piccolo Alex dovesse stare con il papà. Il pm Comodi ha chiesto un’ulteriore proroga alla custodia in carcere.

Morte bimbo. La storia e la richiesta di aiuto al supermercato

Un bambino di circa due anni morto e con delle ferite da arma da taglio, all’addome e al collo secondo le prime informazioni, è stato portato da una donna, in un supermercato di Pò Bandino, frazione di Città della Pieve. La tragedia intorno alle 16 di venerdì 1 ottobre 2021. La donna di 43 anni di origine ungherese – dalle prime informazioni – sembrerebbe sia entrata nel supermercato chiedendo aiuto. Tra le braccia, il corpo insanguinato del bimbo che ha poi adagiato sul nastro trasportatore della cassa. Immediato è stato l’intervento dei carabinieri e degli operatori del 118 sul posto: quest’ultimi non hanno potuto fare altro che constatare il decesso del piccolo. Indagini dei carabinieri, guidati dal neo comandante, il capitano Luca Battistella, per ricostruire cosa sia successo.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*