8 marzo, a Magione si parla di violenza

Un otto marzo dedicato alla riflessione sulla condizione femminile, sempre più vittima di violenze, quello proposto dal Progetto Donna del Comune di Magione con l’iniziativa “Violente Mente” realizzato a cura del gruppo “Noi Femminile” in collaborazione con il Centro pari opportunità di Perugia.

Il programma dell’iniziativa prevede, alle are 19, presso il cinema Carpine, proiezioni video e corti sulla condizione femminile a cui seguirà un dibattito a cui parteciperanno la dottoressa Sara Pasquino, responsabile del centro antiviolenza di Perugia e la dottoressa Lucia Magionami. Seguirà un momento conviviale offerto dalla stesso progetto Donna.

Il Progetto Donna è attivo nel comune di Magione dagli anni Settanta quando gli furono riconosciute, con statuto all’interno del Comune, funzioni e azioni di promozione rivolte al sociale, alla scuola, al lavoro.

Fortemente impegnate nelle campagne a difesa dei diritti delle donne, le aderenti all’associazione hanno rivolto una costante attenzione alle varie sfaccettature dell’universo femminile promuovendo mostre, convegni, incontri letterari, momenti di riflessione sulla condizione della donna in rapporto alla società, ai diritti civili, alla maternità, all’integrazione; diventando un punto di riferimento per le donne del territorio. Dalla sede storica, ubicata presso la biblioteca comunale, con il restauro del palazzo della Società operaria la sede dell’associazione è stata spostata in questo edificio.

[embeddoc url=”http://www.trasimenooggi.it/wp-content/uploads/2015/03/8-marzo-2015-stampa.pdf” download=”all” viewer=”google”]

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*