Ex sai, caserma e palazzetto sport, senatore Briziarelli e Sindaco Pasquali


Scrivi in redazione

Ex sai, caserma e palazzetto sport, senatore Briziarelli e Sindaco Pasquali

Ex sai, caserma e palazzetto sport, senatore Briziarelli e Sindaco Pasquali. Il senatore Luca Briziarelli e il sindaco di Passignano sul Trasimeno, Sandro Pasquali si sono incontrati per fare il punto su: ex Sai, realizzazione della nuova caserma carabinieri e gestione del palazzetto dello Sport. Al di là dei colori politici senatore e primo cittadino si sono seduti allo stesso tavolo per confrontarsi su alcune delle questioni che da anni interessano il territorio.

Relativamente all’ex Sai senatore e sindaco concordano sulla opportunità di realizzare all’interno di questo spazio la nuova scuola “I progetti finora prospettati nonostante la loro validità – dice il senatore Briziarelli – non sono andati avanti per due motivi: da un lato la crisi economica e dall’altro la complessità dei passaggi tecnici e burocratici, a questo punto bisogna guardare avanti partendo dai risultati conseguiti come l’affidamento all’amministrazione e il recupero dell’area demaniale avviata grazie all’ amministrazione Rossi e conclusa da quella Pasquali e guardare avanti con proposte concrete che non si limitino a convegni di approfondimento accademico, per quanto interessanti, ma propongano soluzioni concrete.

Quindi se da un lato occorre – sottolinea il senatore – valutare la proposta di sviluppo commerciale che sembra provenire dalla proprietà, dall’altro occorre legarla a qualcosa che abbia un ritorno per la comunità sotto il profilo sociale come potrebbe essere la realizzazione della nuova scuola, proposta già ventilata negli anni scorsi”. Per quanto riguarda la realizzazione della nuova caserma il senatore Briziarelli spiega che “visto che non si sono purtroppo concretizzate le opzioni ipotizzate fino ad ora ed approvate all’unanimità dal Consiglio Comunale, cioè la realizzazione della stessa all’interno dell’immobile di proprietà della Provincia situato nell’area della darsena e quella della realizzazione ex novo in via Primo Maggio, ho invitato l’amministrazione a rivalutare l’ipotesi da me avanzata già nel 2013, di realizzare la nuova caserma all’interno dell’immobile comunale dell’ex scuola di San Vincenzo.

LEGGI ANCHE: Gaffe istituzionale a Castiglione, Renato Casaioli, occasione perduta

Ciò avrebbe un duplice vantaggio – spiega il senatore del Carroccio – da un lato recuperare un immobile da tempo in vendita per il quale l’amministrazione non ha mai avuto offerte adeguate, visto che non può essere svenduto e dall’altro permettere a Passignano di mantenere in loco la caserma. Tenuto conto della riorganizzazione in atto nell’intero territorio regionale e nazionale, la presenza di un immobile non adeguato porterebbe alla chiusura della caserma, come già avvenuto in altre località umbre; ciò sarebbe un danno enorme per Passignano che ha già visto la chiusura della caserma della Forestale”.

Palazzetto dello sport

Ultimo argomento toccato da sindaco e senatore ha riguardato il palazzetto dello sport “preso atto della sentenza del Tar che sul piano delle tariffe ha dato ragione all’amministrazione sentenziando che il gestore non ha subito danno alcuno dall’individuazione di quelle stesse tariffe – dice Briziarelli – non è comunque risolta la situazione, perché non si sono raggiunti gli obbiettivi che si era prefissata l’amministrazione del tempo e sui quali tutti concordavano e concordano, cioè quella di dotare Passignano di una struttura adeguata che potesse soddisfare le esigenze sportive e sociali della comunità e delle sue realtà associative e svolgere un ruolo di volano anche sul piano economico e turistico puntando proprio sul turismo sportivo.

Gli obbiettivi non sono stati raggiunti e quindi ho prospettato al Sindaco di valutare l’ipotesi, per altro già avanzata nei mesi scorsi dagli attuali consiglieri di minoranza, di recedere dalla convenzione come previsto dal contratto sottoscritto dal gestore che dà proprio la possibilità all’amministrazione comunale, decorso un anno di recedere dal contratto”

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*