Giorno Memoria Castiglione, consegnate targhe ai familiari dei partigiani

 
Chiama o scrivi in redazione


Giorno Memoria Castiglione, consegnate targhe ai familiari dei partigiani

Giorno Memoria Castiglione, consegnate targhe ai familiari dei partigiani
Liberarono gli ebrei di Isola Maggiore. Presente Angelo Mencaroni, unico superstite 

© Protetto da Copyright DMCA

Si è svolta ieri sera una serata speciale organizzata dal Comune di Castiglione del Lago, in collaborazione con Lagodarte e la locale sezione dell’ANPI (Associazione Nazionale Partigiani d’Italia), per celebrare degnamente il Giorno della Memoria. Quest’anno, prima della proiezione in anteprima nazionale del film “Remember” di Atom Egoyan, l’evento è stato dedicato ad una vicenda storica che lega il Trasimeno e Castiglione del Lago alle vicende dell’Olocausto: la liberazione degli ebrei perugini prigionieri ad Isola Maggiore, avvenuta nel giugno del 1944 da parte di un manipolo di giovani partigiani castiglionesi.

«L’esigenza di non dimenticare – ha sottolineato Ivana Bricca, assessore alla cultura – è viva e forte ancora in tutti noi. Soprattutto questa necessità servirà a tramandare ai nostri figli e ai nostri nipoti i valori di pace e di fratellanza, di rifiuto del razzismo e della violenza. L’amministrazione comunale ha pazientemente cercato di costruire, grazie alla fondamentale collaborazione delle scuole locali, questo percorso di “memoria condivisa” che credo stia dando i suoi frutti. Ringrazio la cooperativa Lagodarte per la sensibilità e la lungimiranza sempre dimostrata i tutti questi anni».

Prima del film è stato proiettato un breve ed interessante documentario-intervista di Nicola Torrini, segretario dell’ANPI castiglionese, con protagonista Angelo Mencaroni detto “Balilla”, ultimo e unico protagonista superstite e testimone di questa vicenda. «Era doveroso per me ristabilire la verità storica su questa vicenda – ha dichiarato Torrini – che ha visto un’operazione di mistificazione con i protagonisti insultati e trattati quasi come criminali». Le targhe sono state consegnate ai familiari di quei giovani partigiani che, a vario titolo, presero parte all’operazione: Bruno Meoni, Domenico Meoni, Sisto Meoni, Piero Marchettini, Carlo Tini, Vladimiro Vinerba, Antonio Casanova, Alberto Bussolino e infine direttamente nelle mani di Angelo Mencaroni detto “Balilla”, presente commosso in sala. «Un sincero grazie – ha infine dichiarato il sindaco Sergio Batino – va a questi uomini che hanno dato il loro contributo per costruire la nostra democrazia, anche imperfetta e con i suoi problemi, ma che resta un bene prezioso e che va tutelato e salvato dai nuovi nazisti e dai nuovi razzisti. Non dobbiamo mai abbassare la guardia e ricordare con ancora più forza le loro gesta, non dimenticare l’eroismo di tanti che hanno dato la vita per noi».

Giorno Memoria

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*