Agenti della Polizia Locale di Città di Castello e Magione premiati per meriti di servizio

Premiati per aver assicurato alla giustizia i responsabili di una rapina ai danni di un pensionato avvenuta nel centro storico tifernate

Riconoscimenti_Polizia_Locale_Magione_Castello

Agenti della Polizia Locale di Città di Castello e Magione premiati per meriti di servizio

Riconoscimenti per meriti di servizio a quattro agenti della Polizia Locale di Città di Castello e Magione, premiati dai sindaci per aver assicurato alla giustizia i responsabili di una rapina ai danni di un pensionato avvenuta nel centro storico tifernate

L’uno al lavoro fuori territorio di competenza, l’altra invece libera dal servizio, eppure capaci in un istante di unirsi senza esitazione, spinti dal senso del dovere e dal coraggio, per assicurare alla giustizia due malviventi in fuga dopo una rapina ai danni di una persona anziana.

È  la condotta meritoria per la quale il sindaco e il comandante della  Polizia Locale di Città di Castello, Emanuele Mattei, che ha proposto i riconoscimenti, hanno premiato con un encomio solenne il maresciallo della Polizia Locale di Magione Andrea Volpi e l’agente della Polizia Locale tifernate Eleonora Lotti.

Insieme a loro hanno ricevuto un elogio scritto per l’intervento prestato nell’occasione con il supporto degli agenti del commissariato di Pubblica Sicurezza territoriale, anche l’agente scelto Paolo Franchi e all’agente Riccardo Lucci della Polizia Locale di Città di Castello.

La cerimonia si è svolta nella sala del consiglio comunale di Città di Castello alla presenza del sindaco e del comandante della Polizia Locale di Magione Mario Rubechini, intervenuti insieme ad alcuni rappresentanti delle due amministrazioni e ai familiari dei premiati.

Dopo le note dell’inno nazionale che hanno accompagnato la consegna di attestati e medaglie, i primi cittadini hanno espresso agli agenti la gratitudine per il comportamento in servizio con cui hanno onorato la divisa, offrendo una testimonianza esemplare del senso del dovere e dello spirito civico con il quale la Polizia Locale lavora ogni giorno al fianco dei cittadini.

I FATTI

I fatti risalgono alla mattinata dello scorso 16 febbraio, quando il maresciallo Volpi, giunto a Città di Castello per alcune pratiche da svolgere nell’ufficio del Giudice di Pace, e l’agente Lotti, alla guida della propria auto nel centro storico, sono arrivati all’appuntamento con il destino che li attendeva a piazzale Enrico Ferri, di fronte alle mura urbiche che abbracciano le vie e le piazze principali del cuore della città. A pochi metri da loro, una cittadina rumena di 20 anni, che si aggirava nel parcheggio con i due figli minori, aveva appena rapinato un pensionato di 70 anni, sfilandogli il portafogli di tasca e strattonandolo fino a farlo cadere. Allertati da alcuni passanti che avevano assistito all’accaduto, Volpi e Lotti hanno avvistato il veicolo condotto da un connazionale sul quale la straniera si stava allontanando. Con grande prontezza e lucidità hanno quindi bloccato l’uscita del parcheggio con le rispettive auto, arrestando la corsa dei malviventi. I fuggiaschi sono stati successivamente identificati con l’ausilio di una squadra volante del locale Commissariato di Pubblica Sicurezza e degli agenti della Polizia Locale tifernate Franchi e Lucci, che hanno soccorso la vittima della rapina, in stato confusionale dopo la caduta a terra, e hanno contribuito al recupero della somma sottratta: 300 euro che erano stati occultati nel pannolino di uno dei figli dell’autrice del reato. A conclusione dell’operazione la donna è stata arrestata per rapina dagli agenti del Commissariato di Pubblica Sicurezza, mentre il complice è stato denunciato a piede libero.

1 Trackback / Pingback

  1. Circolava con targhe clonate e auto rubata.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*