Castiglione, il Bilancio 2018 è in Commissione Finanze. Giù l’Irpef grazie alla lotta all’evasione

Esenzioni IMU e incentivi per i nuovi imprenditori

Bilancio di previsione e polemiche a Castiglione del Lago
Castiglione del Lago

«Sul Bilancio di Previsione 2018/ grande esercizio di fantasia da parte dei gruppi di minoranza». Risponde così Mariella Spadoni, assessore a bilancio, finanze e tributi del Comune di Castiglione del Lago agli attacchi dei capigruppo di Forza Italia, Movimento 5 Stelle e Progetto Democratico sui presunti ritardi e le inadempienze della Giunta comunale.

«La Giunta comunale nella seduta dello scorso 13 marzo ha approvato il Bilancio di Previsione 2018/2020 e gli atti sono stati trasmessi ai consiglieri unitamente alla convocazione della Commissione Bilancio e Finanze che si terrà venerdì 23 marzo. Questa Amministrazione non ha mai perseguito l’obiettivo di impedire a nessuno di dare fattiva collaborazione: rivendichiamo però la prerogativa di utilizzare tutti i tempi e gli spazi necessari per una programmazione attenta e compiuta».

Quanto alle misure previste in Bilancio l’assessore Spadoni precisa che «l’incremento delle tariffe Tari, inevitabile a causa degli extra costi per il conferimento dei rifiuti in discariche fuori regione, sarà estremamente contenuto (da 2,5 al 3,5% circa) rispetto alla media degli aumenti umbri che in alcuni casi ha raggiunto anche il 10% e accompagnato da una serie di riduzioni e agevolazioni legate al numero degli svuotamenti dei rifiuti indifferenziati, all’utilizzo delle compostiere e alla riduzione del 30% per i primi tre anni delle nuove attività commerciali aperte nei centri storici dell’intero paese».

Cucinelli per Trasimeno, Spadoni: "Ben vengano le sue proposte e quelli di altri imprenditori"
Mariella Spadoni

Una positiva novità per i contribuenti contenuta nella manovra di Bilancio: è stata innalzata la soglia di esenzione dell’Addizionale Irpef da 10.000 a 11.500 euro, ampliando la platea dei beneficiari della stessa a circa nuovi 600 cittadini. «Questo è il frutto del paziente e fruttuoso lavoro di lotta all’evasione fiscale, come è stato evidenziato dalla Corte dei Conti e poi riportato dalla stampa e dalla televisione nazionale, che ci ha consentito di cominciare a ridistribuire questi importanti risultati raggiunti: nel 2015 a fronte di accertamenti per circa 420 mila euro il Comune ha recuperato la considerevole cifra di quasi 239 mila euro, pari al 56,77%».

Ancora sulle misure del Bilancio Spadoni spiega in sintesi alcuni punti salienti: «Abbiamo previsto esenzione totale IMU per i nuovi insediamenti produttivi artigianali per i primi 3 anni di attività, il finanziamento di un Fondo per le nuove attività produttive che verrà articolato in due misure: la prima è volta ad erogare un incentivo diretto per le nuove attività commerciali aperte nei centri storici del paese di euro 3.000 annui a soggetto per i primi tre anni; la seconda che si svilupperà in un contributo in conto interessi sempre per le nuove attività commerciali aperte nei centri storici».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*