Donna rapinata a Tuoro sul Trasimeno da finti carabinieri, il terrore continua

 
Chiama o scrivi in redazione


Donna rapinata a Tuoro sul Trasimeno da finti carabinieri, il terrore continua

Donna rapinata a Tuoro sul Trasimeno da finti carabinieri, il terrore continua

Ormai sembra essere una banda organizzata, ai danni di automobilisti di passaggio in determinate zone dell’Umbria. Tornano i finti carabinieri che rapinano gli automobilisti. L’ultima rapina è stata messa a segno ieri sera attorno alle 19.30 in una piazzola di sosta a Tuoro sul Trasimeno: una donna è stata bloccata da  due o tre uomini che indossavano una pettorina dell’Arma dei carabinieri, avevano una paletta d’ordinanza e i lampeggianti montato all’interno di un’Audi e una pistola, forse giocattolo.

© Protetto da Copyright DMCA

La donna pensando che fosse un controllo reale si è fermata, ma, solo dopo si è resa conto che quelli non erano veri carabinieri. Una volta controllata, i tre le hanno rapinato il portafoglio. Sul posto poi sono intervenuti i carabinieri, quelli veri, che stanno indagando sul fatto, visto che non è il primo che accade.

Prima di ieri c’erano stati due episodi a dicembre, uno a Ponte San Giovanni: un uomo alla guida di un’utilitaria era stato bloccato da finti poliziotti armati di pistola, gli avevano rubato uno zainetto e l’altro a Torricella sul Raccordo autostradale Perugia-Bettolle, quando in tre, sempre a bordo di un’Audi A 6, avevano rapinato una coppia di medici di Siena, portando via anche un Rolex e gioielli.

Ma prima di questi altri colpi. A novembre una farmacista era stata rapinata a San Martino in Colle mentre andava a depositare l’incasso.

Lo stesso gruppo – da quanto appreso – sembra abbia messo a segno ieri mattina un colpo analogo a Foiano della Chiana. Al momento si tratterebbe almeno del quinto episodio denunciato da automobilisti in transito nella zona del Trasimeno. L’indagine è coordinata dalla procura di Perugia che sospetta si tratti di pendolari del crimine in trasferta in Umbria.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*