Festa della Donna a Castiglione: libri, racconti e musica al Centro Sociale

Un territorio che parla e si racconta al femminile, quello che sarà protagonista della Festa della Donna a Castiglione del Lago organizzata dalle 17,30 in collaborazione tra Comune di Castiglione del Lago ed il Centro Sociale “L’Incontro” che ospita la serata all’interno della sede nell’ex aeroporto Eleuteri di Castiglione del Lago.

Quattro le autrici in campo che presenteranno le loro opere attraverso il coordinamento di Monica Fanicchi della libreria Libri Parlanti, aventi come filo conduttore la memoria e la volontà di fermare e comunicare riflessioni ed esperienze di vita che in questo modo assumono una coralità ed una condivisione collettiva.

La prima a presentarsi sarà una poetessa, Iole Cherubini, autrice del libro “Il cuore in versi”, un’opera ricca di sentimenti, rivelatrice di una spiccata sensibilità, di un tormento che trova il riscatto in una forma di Amore universale, l’unico in grado di appagare e di riempire il nostro animo umano. Le altre tre opere ispirate al lavoro, un argomento di estrema attualità nella realtà odierna, la cui mancanza minaccia di riportare la donna in una condizione di dipendenza dall’uomo e di perdita drammatica di tutti quei diritti che le donne hanno così tanto faticosamente conquistato.

Il primo di questo genere è “Fiorella e le altre”, un testo che è la testimonianza del breve periodo della diffusione dell’industria tessile nella zona del castiglionese in grado di assorbire manodopera femminile attraverso la raccolta di una serie di storie e di esperienze legate al lavoro della fabbrica che ha portato intorno agli anni ’70 benessere e sviluppo alla nostra economia locale.

Le altre due opere invece saranno ispirate a due mestieri molto particolari, quello dell’ostetrica e quello assolutamente nuovo e inusuale per una donna che è il pilota di elicotteri. Il mestiere dell’ostetrica esercitato in una zona di campagna come è stata la nostra e soprattutto nel periodo storico del dopoguerra dove il parto non era ospedalizzato ma avveniva a casa, lo ritroviamo raccontato nel testo scritto da Oriana Visparelli che vede come protagonista Luigina, la ragazza che si trova a far l’ostetrica per volontà del padre e che grazie al marito che l’accompagna in macchina riesce a raggiungere anche zone impervie e a far nascere bambini in condizioni estreme e veramente difficili.

L’ultima opera che sarà presentata è quella che ha come protagonista Maria Concetta Micheli dal titolo “La ragazza che parlava agli elicotteri”, una donna che in un periodo in cui il mestiere di pilota era riservato solo agli uomini, essa riesce ad infrangere le regole del genere e ad affermarsi come la prima donna elicotterista in Italia.

Dunque il tema del lavoro, protagonista di questa giornata dell’8 marzo 2017, dedicata alla lotta per la conquista  dei diritti, è un argomento che diventa di estrema importanza, anche perché legato ad altro fenomeno di grande e drammatica attualità che resta quello della violenza contro le donne. Alla presentazione dei libri, seguirà la cena conviviale a cui parteciperanno altre voci, quelle del  gruppo “Le mamme in coro”, associazione locale costituitasi per scopi benefici che allieteranno con i loro pezzi accompagnati dai “Two voices” la serata e concluderanno l’evento della giornata.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*