Otto Comuni firmano il protocollo d’intesa sulla Via Romea Germanica

«Un antico tracciato da valorizzare e promuovere»

tracciato-via-romeaSabato 12 novembre, alle ore 11 a Palazzo della Corgna di Castiglione del Lago, verrà firmato un protocollo d’intesa per lo sviluppo della Via Romea Germanica tra i Comuni di Castiglione del Lago, Paciano, Città della Pieve, Ficulle, Fabro, Porano, Allerona e Orvieto. È il primo protocollo nazionale che viene firmato sull’antica Via Romea, ispirato dal programma degli Itinerari Culturali redatto dal Consiglio d’Europa nel 1987 per valorizzare percorsi trans-nazionali europei che, attraversando città d’arte, borghi medievali, monasteri ed abbazie, costituiscono un efficiente strumento per riscoprire le antiche vie su cui si è costruita l’identità europea, permettendo scambi commerciali ma anche culturali tra il nord Europa e il Mediterraneo. Gli Itinerari Culturali rappresentano anche una grande opportunità per ricostruire sia il patrimonio di identità dei territori che questi cammini attraversano, sia quella vera e propria rete di comunità che la nascita della “civiltà dell’autostrada” ha spezzato, itinerari strutturati per essere percorsi secondo una modalità lenta (a piedi, in bicicletta, a cavallo) restituendo un’identità alle varie comunità lungo le vie. Tra gli itinerari culturali europei si collocano le vie romee ed in particolare la Via Romea Germanica che partendo da Stade, nei pressi di Amburgo, veniva percorso dai pellegrini europei per raggiungere Roma e, in molti casi, proseguire per Gerusalemme.

«La Via Romea Germanica – spiega Ivana Bricca, assessore alla cultura castiglionese – è in parte una fedele ricostruzione, su basi storiche, dell’antico cammino, ed in parte una rievocazione di tale tracciato così come riportato nel diario di viaggio (Annales Stadense Auctore Alberto) dell’Abate tedesco Alberto di Stade nel 1236. Importante il ruolo dell’associazione italiana “La via Romea Germanica” con sede a Santa Sofia in provincia di Forlì, organizzazione di persone, di enti e di associazioni che promuove la valorizzazione ed il recupero come itinerario culturale dal punto di vista europeo in collaborazione con la associazione “Romweg” tedesca e l’”Associazione dei Cammini” austriaca». La Via Romea Germanica è stata oggetto nel 2016 di un pellegrinaggio europeo “Pilgrims crossing borders” che partendo da Trondnheim, in Norvegia, ha raggiunto Roma attraversando la Danimarca, la Germania, l’Austria e l’Italia secondo il tracciato predefinito dall’Associazione Via Romea Germanica attraversando l’Umbria coinvolgendo appunto i Comuni di Castiglione del Lago, che si trova in entrata, Paciano, Città della Pieve, Ficulle, Fabro, Porano, Allerona e infine Orvieto.

pellegrini-sulla-via-romea-vicino-a-gioiella«Lo scopo del protocollo – aggiunge Bricca – è quello di individuare risorse necessari per valorizzare la Via Romea Germanica, nel rispetto delle rispettive autonomie, per organizzare, promuovere e gestire iniziative comuni in aderenza a quanto indicato nella direttiva ministeriale sui cammini e in particolare: progetti e programmi afferenti all’attività escursionistica a piedi, cicloturistica, equestre, idroviaria, con pubblicazioni, guide e altri strumenti d’informazione». Importante e strategico è il supporto del GAL Trasimeno Orvietano per individuare bandi europei che diano accesso a finanziamenti per portare avanti l’ambizioso progetto. Alla firma saranno presenti, oltre naturalmente ai sindaci dei Comuni coinvolti, il presidente dell’associazione “La via Romea Germanica”, l’Università degli Studi di Firenze che ha collaborato alla definizione del tracciato, e un rappresentante del Ministero dei Beni Ambientali e Culturali.

Eventi in Umbria

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*