L’anello forte di Nuto Revelli dà il via alla Stagione teatrale a Panicale

L'anello forte di Nuto Revelli dà il via alla Stagione teatrale a Panicale, l'appuntamento al Teatro Caporali

L’anello forte di Nuto Revelli dà il via alla Stagione teatrale a Panicale 

+++ RINVIATO +++

RINVIATO per problemi tecnici lo spettacolo L’anello forte di Nuto Revelli, in programma mercoledì 9 marzo alle 21 al Teatro Caporali di Panicale.
La Stagione 2021/2022 del Teatro Caporali di Panicale aprirà domenica 27 marzo alle 18 con Uno spettacolo divertentissimo che non finisce assolutamente con un suicidio di Lodo Guenzi e Nicola Borghesi.

L’anello forte, tratto dall’omonimo testo di Nuto Revelli, apre la nuova Stagione del Teatro Caporali di Panicale, mercoledì 9 marzo alle 21. Lo spettacolo è un omaggio alle indimenticabili donne di cui l’autore ha raccolto le testimonianze. In scena Laura Curino e Lucia Vasini, la drammaturgia e la regia sono di Anna Di Francisca.

Le protagoniste raccontano le storie struggenti e buffe, storie di soprusi ed emancipazione dell’Anello forte che lo scrittore, cantore di un’Italia contadina d’altri tempi, assegna alle donne, “l’anello forte della nostra società”. Ruvide, ironiche, taglienti, le donne si raccontano senza mai indulgere a compatirsi, anzi, cercano sempre l’aspetto divertente e paradossale delle loro vicende. La tenerezza viene mascherata con pudore e quando emerge commuove. La gioia, quando c’è, è assoluta.

Nasce dalla fatica estrema e dalla necessità di combatterla con un’allegria esilarante. Dopo ore e ore di fabbrica non si rinuncia alla balera. Stremate dal lavoro, si canta. Alcune sono donne che si adeguano per forza alle ingiustizie della loro condizione, ma non stanno zitte e le denunciano ad alta voce. Altre si ribellano e scelgono la libertà anche se significa scandalo. L’anello, interpretato qui come segno di femminilità assoluta, lega la memoria di quelle che hanno lavorato nelle campagne e poi affrontato la rivoluzione dell’industria, muovendosi tra il desiderio di autonomia e libertà, gli impedimenti culturali e famigliari e il desiderio di garantire futuro a se stesse e ai loro figli.

Anna Di Francisca, autrice e regista cinematografica e televisiva, ha realizzato un testo che, partendo dalla selezione delle storie, racconta gli aspetti della condizione femminile oggi ancora attuali, come la ricerca di lavoro, tra la campagna e la fabbrica, in concorrenza agli uomini, la responsabilità dei rapporti familiari, la crescita dei figli.

“Il nostro desiderio, insieme con gli eredi dell’autore – racconta la regista – è quello di far vivere la figura di Nuto Revelli come giornalista di inchiesta ante litteram, e nello stesso tempo raccontare la cultura del dopoguerra in Piemonte, regione che da sempre è terra di accoglienza di ondata migratorie. Queste comunità hanno accolto prima le donne che dal sud Italia venivano a sposarsi con i contadini piemontesi, poi gli emigranti dal meridione verso le fabbriche del nord ed oggi la terza onda, quella extracomunitaria. Lo spettacolo utilizzerà musiche originali, documenti originali, fotografie, filmati originali e filmati realizzati appositamente”.

L’anello forte è prodotto da Il Contato del Canavese / Teatro Giacosa di Ivrea e Teatro Stabile di Torino.

Per accedere a teatro sono necessari Super Green Pass e mascherina ffp2.

Si può prenotare telefonicamente, al Botteghino Telefonico Regionale del Teatro Stabile dell’Umbria 075/57542222, tutti i giorni feriali, dalle 16 alle 20. I biglietti prenotati vanno ritirati un’ora prima dello spettacolo.

www.teatrostabile.umbria.it.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*