Investiamo sul futuro. È online il bando per la borsa di studio 2020 promossa dallo studio INTEGRA

Destinata ai maturandi dell’anno scolastico in corso che vorranno iscriversi ai corsi universitari in materie economiche  e giuridiche

 
Chiama o scrivi in redazione


Alessandro_Sorci_Integra
Alessandro_Sorci_Integra

Investiamo sul futuro. È online il bando per la borsa di studio 2020 promossa dallo studio INTEGRAPubblicato sul sito www.integraassociati.it, alla sezione Scholarship, il bando per accedere alla borsa di studio INTEGRA 2020 di 1500 euro riservata ai maturandi dell’anno scolastico in corso che vorranno iscriversi ai corsi universitari in materie economiche – giuridiche nell’anno accademico 2020 – 2021.

Per l’ammissione al bando di concorso gli studenti dovranno trovarsi nelle seguenti condizioni: essere residenti e domiciliati nel Comune di Magione (Perugia); essere in possesso del diploma di maturità di scuola secondaria; non avere compiuto il 20° anno di età al momento del deposito della domanda di ammissione al bando; aver conseguito il titolo di studio per l’ammissione al relativo corso universitario con una votazione non inferiore a 90/100; non aver subito condanne penali e non avere procedimenti penali in corso.

Il termine per l’inoltro delle domande di ammissione al concorso è fissato per il 31 luglio 2020.

La decisione dello studio Integra commercialisti avvocati consulenti del lavoro di istituire la borsa di studio nasce dalla volontà di favorire l’interesse verso le materie economiche e giuridiche anche a seguito del rapporto di proficua collaborazione istauratosi con il personale docente dell’Istituto tecnico economico tecnologico “Aldo Capitini” di Perugia con il progetto “alternanza scuola/lavoro”.
Il progetto Integra Scholarship era stato presentato nel mese di gennaio nella sede di Magione di Integra dall’avvocato Alessandro Sorci (nella foto), socio fondatore dello studio, alla presenza del sindaco Giacomo Chiodini, del dirigente scolastico Silvio Improta e delle docenti Marta Boldrini ed Ercolani.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*