A TrasiMemo parte la raccolta volontaria di foto per documentare la pandemia

 
Chiama o scrivi in redazione


A TrasiMemo parte la raccolta volontaria di foto per documentare la pandemia

Feste e momenti collettivi vissuti in mascherina appartengono già alla storia e sono già tasselli di una memoria in costruzione. Con il rigore scientifico che da sempre la contraddistingue, TrasiMemo – Banca della memoria del Trasimeno lancia la proposta di raccogliere foto e immagini di distanziamento sociale scattate nei luoghi e nei momenti di vita sociale più disparati. Le immagini saranno poi oggetto di studio da parte degli esperti e formeranno un collage da conservare con TrasiMemo, a disposizione di tutti.

© Protetto da Copyright DMCA

“Siamo giunti ad agosto – spiegano Cinzia Marchesini assessore al Comune di Paciano e Funzionaria antropologa presso il MiBACT e Daniele Parbuono, docente di antropologia culturale presso l’Università degli Studi di Perugia-, il mese dell’estate e delle feste, ma questa sarà una stagione particolare che rimarrà nella nostra memoria il 2020. Invitiamo a co-costruire la memoria di questi giorni, come bene comune e patrimonio per il futuro.

L’idea è quella di partire da immagini di passeggiate, feste, eventi, svaghi della vita prima di adesso, che oggi viviamo con le mascherine e le nuove distanze. Sarebbe bello – spiegano ancora – avere immagini di noi su panorami, piazze, giardini pubblici da sempre frequentati che oggi sono vissuti con le mascherine e distanziati gli uni dagli altri. Ci piacerebbe ri-comporre la memoria con immagini di lavoratori e volontari: negozianti, ristoratori, baristi, operatori turistici, forze dell’ordine, dipendenti comunali, operatori sanitari, operatori ecologici, ambulanti di mercato e organizzatori di eventi con la mascherina. Vorremmo vedere immagini di chi prende il fresco la sera facendo due chiacchiere, o torna a giocare a carte al bar ma con la mascherina”.

Insomma, un vero e proprio appello a chiunque voglia partecipare a questa operazione di “costruzione della memoria” per documentare un periodo profondamente segnato, ad ogni latitudine, dall’emergenza sanitaria, che ha modificato comportamenti individuali e collettivi.

Le foto possono essere inviate a trasimemo@gmail.com, accompagnate dal nome dell’autore, una breve descrizione e il luogo dove sono state scattate, insieme alla frase “Autorizzo TrasiMemo ad utilizzare le immagini per fini istituzionali, di studio e ricerca”.

Coloro che preferiscono fare una stampa possono consegnare il materiale presso il Comune di Paciano, all’attenzione di Cinzia Marchesini e Daniele Parbuono.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*