Pietrafitta: la centrale Enel diventa un set cinematografico

 
Chiama o scrivi in redazione


Panicale e Piegaro, i sindaci sulla riqualificazione dell'area di Pietrafitta

Piegaro (Pg), 26 giugno 2015 – La Centrale Enel “Franco Rasetti” e il lago di Pietrafitta si sono trasformati per alcuni giorni in un set cinematografico: grazie all’iniziativa del Liceo classico “Mariotti” di Perugia e dell’Associazione Culturale “Lavori in Corso” in collaborazione con Comune e Provincia di Perugia e Regione Umbria, infatti, l’impianto elettrico Enel è stato la location per le riprese video di alcune scene di un mediometraggio.

© Protetto da Copyright DMCA

Si tratta di un progetto dei ragazzi della “Piccola Accademia del Cinema” diretta dall’Associazione Culturale “Lavori in Corso” di Perugia, che hanno scelto il suggestivo lago di Pietrafitta e l’affascinante architettura industriale della centrale a ciclo combinato di Enel per realizzare un video sui luoghi più significativi e importanti del territorio provinciale di Perugia. La produzione è curata dallo studio “Lumière”, mentre la sceneggiatura e la regia sono state pensate direttamente dagli studenti, circa una trentina, nell’ambito dell’attività scolastica “Laboratorio Cinema”.

Il Presidente dell’Associazione “Lavori in Corso” Federico Menichelli ha ringraziato il Responsabile della Centrale Enel Romolo Bravetti e il dipendente dell’impianto Sergio Marcaccioli per la disponibilità, la collaborazione e l’assistenza fornite nei due giorni in cui la centrale si è trasformata in un vero e proprio laboratorio cinematografico tra sopralluoghi, preparazione, prove e riprese.

Il video, che intende far riscoprire ai giovani i luoghi più caratteristici del territorio, sarà presentato nel mese di settembre con la proiezione della prima cinematografica presso il cinema “PostModernissimo” di Perugia, nell’ambito del più ampio progetto culturale rivolto ai giovani dell’Assessorato alle politiche per l’infanzia, l’adolescenza e l’associazionismo del Comune di Perugia.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*