Corrispondenze, Piergiorgio Odifreddi “il matematico impertinente” sale in cattedra al Trasimeno

Corrispondenze, Piergiorgio Odifreddi “il matematico impertinente” sale in cattedra al Trasimeno

Corrispondenze, Piergiorgio Odifreddi “il matematico impertinente” sale in cattedra al Trasimeno

Sarà un’anteprima nazionale a chiudere l’VIII edizione del Festival delle Corrispondenze. Sul palco della suggestiva piazzetta Sant’Andrea di Monte del Lago, domenica 8 settembre, alle 22, arriva Piergiorgio Odifreddi. Matematico, logico, saggista, noto divulgatore di temi scientifici e filosofici, uomo e intellettuale dalle posizioni nette, arriva al Trasimeno con un testo scritto appositamente per il Festival delle Corrispondenze e in linea con il tema di questa edizione: Lettere e scienze. Odifreddi si esibirà con il monologo dal titolo la comunicazione matematica, da Archimede a internet. Il matematico impertinente, titolo del suo saggio del 2005, è sicuramente l’ospite più atteso di questa edizione del festival. Oltre che di matematica, nelle sue pubblicazioni, Odfireddi, si occupa di indagare la stretta correlazione tra la scienza in generale, e la matematica in particolare, con la letteratura, la musica, le arti figurative, la filosofia e la teologia. Mette al centro del suo pensiero il razionalismo a cui oppone le teorie del creazionismo, la superstizione e i dogmi delle religioni.

Ma domenica è anche il giorno della cerimonia di premiazione della XXI edizione del premio Vittoria Aganoor Pompilj per la sezione riservata a componimenti inediti in forma di lettera.

Come spiegano dall’Ufficio Cultura del Comune di Magione: “Il premio, che quest’anno ha registrato una partecipazione straordinaria: 35 i volumi di carteggi inviati dalle case editrici per la prima sezione e oltre 140 le lettere ricevute da tutta Italia per la seconda sezione, è il segno dell’interesse sempre vivo intorno a questo particolare genere letterario”.

Ed è stato il carteggio Paolina Leopardi, lettere (1822-1869) a cura di Elisabetta Benucci, Sesto Fiorentino, (editore Apice Libri) ad aggiudicarsi la prima sezione Premio letterario. Alle 17,30 Luigina Miccio, Giacomo Chiodini, sindaco di Magione e Vanni Ruggeri, assessore alla Cultura del Comune di Magione premieranno, per la seconda sezione, riservata a componimenti in forma di lettera, i primi tre classificati: Cristina Fumagalli di Corte Franca (Bs), Antonella Giueio di Roma e Clara Kaisermann di Mezzolombardo (Trento).

La giornata di chiusura del festival comincia alle 11, presso la sala conferenze di Villa Aganoor, con due appuntamenti a cura del Festival del Medioevo di Gubbio dedicati a scienza, profetismo ed evoluzione medica a cura di Alessandro Vanoli e Federico Fioravanti. Durante la mattinata sono previsti anche momenti ludico didattici per i bambini a cura di Rinoceronte Teatro. Alle 16 è invece la volta della presentazione del libro di Roberto Contu “Anni di piombo, penne di lotta” (Aguaplano libri). Chiudono il pomeriggio due importanti incontri: il monologo su Rita Levi Montalcini di Valeria Patera e la conferenza sull’epistolario di Galileo con i professori Umberto Bottazzini e Lino Conti. Dalle 19.30 tutti a tavola con la Zzurla – cena a lume di candela. L’evento è organizzato e promosso dal Comune di Magione – Ufficio cultura.

Eventi in Umbria

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*