Batino risponde a Scaramelli: «Perugia non ha nulla da invidiare a Nottola»

Il sindaco di Castiglione del Lago Sergio Batino risponde all’iniziativa di Stefano Scaramelli, presidente della Commissione Sanità del Consiglio regionale toscano, che nei giorni scorsi aveva “aperto” agli utenti del Trasimeno per l’utilizzo dell’ospedale di Nottola come punto di riferimento per i servizi di ostetricia, neonatologia e pediatria.

«Noi amministratori – afferma Batino – dobbiamo rispettare la volontà dei cittadini, che sono liberi di scegliere se farsi curare e, in questo caso, andare a partorire nella struttura ospedaliera che ritengono più sicura e idonea. Poi devo dire che il punto nascita del Silvestrini di Perugia fornisce un ottimo servizio riconosciuto a livello nazionale e ai primi posti in tutti i parametri dal Ministero della Salute: Perugia insomma funziona perfettamente. Per ultimo auspico sì un accordo, ma che avvenga in modo organico tra la Regione Umbria e la Regione Toscana per una specializzazione e una reciprocità di servizio, in modo che le due strutture si integrino senza farsi concorrenza».

Stefano Scaramelli
Stefano Scaramelli

Proprio in questi giorni i comuni del Trasimeno stanno definendo un protocollo con la Regione Umbria e la USL 1 per definire nel dettaglio il ruolo e la centralità della struttura ospedaliera di Castiglione del Lago. Il protocollo verrà presentato ufficialmente il 26 novembre alla cittadinanza castiglionese in un’assemblea pubblica alla presenza dell’assessore Luca Barberini, dei dirigenti della USL 1 e dei massimi vertici della sanità umbra.

Eventi in Umbria

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Solve : *
24 × 21 =