Flippers Trasimeno porta al lago la passione per baskin

Flippers Trasimeno porta al lago la passione per  baskin. Il nuovo sport di squadra che coniuga agonismo e inclusività, insieme disabili e normodotati

Flippers Trasimeno porta al lago la passione per  baskin.
Il nuovo sport di squadra che coniuga agonismo e inclusività, insieme disabili e normodotati

Il “Flippers Trasimeno” è tra le prime realtà regionali a portare in Umbria il “baskin”. Al Lago Trasimeno sta mettendo le radici un nuovo sport che coniuga agonismo e inclusività, con disabili e normodotati.

«Siamo orgogliosi – dichiara il presidente Stefano Rossi – di essere tra i primi in Umbria ad introdurre il baskin, una nuova attività sportiva, conosciuta ufficialmente nel 2019, coinvolgente e con spirito agonistico, che si ispira al basket e che è stata pensata per permettere la partecipazione attiva di giocatori con e senza disabilità, di qualsiasi livello e di qualsiasi età».

Il baskin è uno sport di squadra, giocato da disabili e normodotati insieme.  Il nome è il risultato dell’unione di “basket” e “inclusivo”. Le regole e i campionati sono gestiti da EISI (Ente Italiano Sport Inclusivi). Il baskin è una nuova attività che si ispira al basket, ma ha caratteristiche particolari ed innovative. Un regolamento, composto da 10 regole, ne governa il gioco per cercare di valorizzare il contributo di ogni ragazzo all’interno della squadra. Anche i ragazzi normodotati beneficiano di questo percorso. Infatti nel baskin essi imparano ad inserirsi e ad organizzare un gruppo che conta al suo interno gradi di abilità differenti. Essi devono così sviluppare nuove capacità di comunicazione mettendo in gioco la propria creatività e instaurando relazioni affettive anche molto intense. Inoltre la condivisione degli obiettivi sportivi coi ragazzi disabili permette loro di apprezzare le ricchezze e le capacità che la
diversità porta con sé. Nei disabili il baskin aumenta la fiducia in sé stessi, la capacità di coniugare il sacrificio al piacere, le abilità psicomotorie e quelle di interazione con i ragazzi e con gli adulti e coinvolge negli incontri, anche di tipo agonistico, intere famiglie. In molte formazioni agonistiche sono presenti genitori, fratelli, parenti di ogni tipo che abbiano la passione per lo sport e del basket in particolare.

«Insomma uno sport totalmente inclusivo – spiegano dalla Flippers Trasimeno – ecco perché rivoluzionario nel suo genere».

Il baskin è nato nel 2001 in una scuola di Cremona, vanta già numeri da record. Ad oggi, infatti, conta 166 società attive che partecipano a campionati regionali e nazionali con quasi seimila atleti. A Passignano, dove ha sede l’Associazione Flippers Trasimeno, la risposta alla nuova proposta è molto buona, con un bacino di utenza che abbraccia la zona nord est del lago.

«Allenamento dopo allenamento – riferiscono i responsabili -, iniziano ad arrivare nuove adesioni e nuovi giocatori, ragazzi, adulti, famiglie, proprio in sintonia con lo spirito del baskin».

«Si è trattato della prima esperienza del genere in assoluto. A vincere è stato lo sport, con i suoi valori positivi, i ragazzi, le ragazze e le loro famiglie che ci hanno dato fiducia e hanno creduto insieme a noi nel progetto partito a settembre». E’ quanto hanno riportato nel mese di dicembre i primi tesserati partecipando al triangolare che si è disputato ad Umbertide.

Per il futuro “Flippers Trasimeno” conta “di far crescere il baskin in tutto il territorio del Trasimeno e di sensibilizzare altre associazioni sportive regionali per diffonderne la cultura e incrementare il numero di iscritti, così da rendere ancora più avvincente questa nuova disciplina.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*