Dopo due anni di attesa ritorna l’Isola di Einstein, il festival di spettacoli scientifici unico in Europa.

Dal 30 agosto al 1 settembre, all’Isola Polvese del Lago Trasimeno (PG), 100 appuntamenti in tre giorni con divulgatori e scienziati da sette paesi europei, cinque palchi a cielo aperto, oltre a un museo interattivo,

Isola di Einstein_2
Isola di Einstein_2

Dopo due anni di attesa ritorna l’Isola di Einstein, il festival di spettacoli scientifici unico in Europa – Cento appuntamenti in tre giorni con divulgatori e scienziati da sette paesi europei. Torna così in grande stile, e dopo due anni, l’attesissimo festival, sempre più internazionale, di spettacoli scientifici unico in Europa: dal 30 agosto al 1 settembre‘L’Isola di Einstein’ si svolgerà nella consueta e suggestiva cornice dell’Isola Polvese, con cinque palchi a cielo aperto, per un fine settimana immersi nella natura nel cuore del Lago Trasimeno all’insegna del divertimento intelligente.

L’edizione 2019 dell’Isola di Einstein è stata presentata venerdì 23 agosto nella sala Falcone e Borsellino della Provincia di Perugia. Sono intervenuti alla conferenza stampa Sandro Pasquali (vice presidente Provincia di Perugia), Irene Biagini (presidente Psiquadro), Lorenzo Mariani (direttore regionale di Confcooperative Umbria), Rosalba Padula (coordinatore programma scientifico Centro Cambiamento Climatico e Biodiversità in ambienti lacustri e aree umide Arpa Umbria), Fabio Duca (assessore ai Trasporti e Parco del Trasimeno del Comune di Castiglione del Lago), Valter Sembolini (vice presidente CdA GAL Trasimeno Orvietano), Patrizia Cenci (direttore Sezione di Perugia dell’INFN), Carlo Alberto Brunori (INGV) e Federico Cenci per l’associazione Avanti Tutta.

Dopo che la presidente di Psiquadro Biagini ha annunciato i numerosi partner che hanno permesso di realizzare un “ricco e variegato programma” e dopo aver illustrato le novità, come iniziative e come location, ha preso la parola il vice presidente della Provincia di Perugia:

“L’Isola di Einstein oltre che come singolo evento – ha detto Pasquali – va interpretata come una chiave di lettura del territorio perché ha contribuito a creare un’attenzione particolare intorno alla Polvese e al Trasimeno unendo ricerca, ambiente e sviluppo”. Anche per l’assessore di Castiglione del Lago Duca, “il connubio tra scienza e cultura è fondamentale per lo sviluppo del territorio”. L’Assessore ha annunciato che una corsa straordinaria, prevista per il sabato alle 23.15 da Isola verso Castiglione del Lago, si aggiungerà ai servizi di navigazione già previsti. Facendo un plauso all’iniziativa pure il presidente del Gal Trasimeno Orvietano ha messo l’accento sul percorso da fare per riportate il Trasimeno al centro dell’attenzione “con il Gal che ha voluto sostenere l’evento promuovendo tutte le aziende del Trasimeno”. Di un evento “a tutti gli effetti di cooperazione fra soggetti diversi, fra cooperative e realtà che si occupano di eccellenze del territorio” ha poi parlato Mariani, definendolo come “un nuovo punto di partenza” per il rilancio del Trasimeno. “L’accesso per tutti alla cultura scientifica è importante e per questo l’INFN sostiene l’evento” ha sottolineato Patrizia Cenci per la sezione di Perugia, ricordando inoltre l’impegno a promuovere la nuova edizione della FameLab Einstein Cup, gara di public speaking per ricercatori realizzata in collaborazione con British Council Italia. “L’evento sarà un’occasione straordinaria per mostrare come si fa ricerca all’interno del centro ARPA” ha sottolineato Rosalba Padula. Mentre Brunori dell’INGV ha affermato: “Se ci fossero state più Isole di Einstein quando eravamo piccoli oggi forse non ci sarebbe bisogno di azioni eclatanti per salvare il pianeta”.

Tra gli ospiti e partner internazionali, Ian Russell e Science Made Simple (Regno Unito), Michael Bradke (Germania), Hisa Eksperimentov (Museo della Scienza di Lubiana, Slovenia), Copernicus Science Centre (Museo della Scienza di Varsavia, Polonia – uno dei più grandi musei della scienza in Europa), Big Van Ciencia (Spagna), a testimonianza della dimensione internazionale dell’evento, che quest’anno gode del patrocinio dell’Ambasciata Britannica in Italia. Tra gli enti di ricerca nazionali partner, l’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare – INFN, l’Istituto Nazionale di Astrofisica – INAF e l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia – INGV (quest’ultimo per la prima volta ospite della manifestazione).

Spettacoli dedicati alla fisica e alla giocoleria, ma anche al suono, prodotto trasformando il corpo umano in strumento musicale, o alle reazioni chimiche più sorprendenti utilizzate per scoprire le proprietà degli elementi e festeggiare il compleanno della tavola periodica, pubblicata da Mendeleev 150 anni fa. Dalla farina che prende fuoco alle bolle di sapone che assumono le forme più insolite, dal mondo bizzarro della meccanica quantistica, insieme ai ricercatori del CNR, alle sfide dei cambiamenti climatici: dalla mattina fino a notte inoltrata, i prati dell’isola ospiteranno esperimenti che divertono, invitando anche a riflettere sui temi più attuali della ricerca scientifica. Per la prima volta l’Isola di Einstein ospiterà un museo interattivo a cielo aperto, formato dai numerosi strumenti musicali ad acqua che compongono la WaterOrchestra del divulgatore e musicologo tedesco Michael Bradke, dalle decine di installazioni allestite da Hisa Eksperimentov e dal giardino dedicato alla matematica, con rompicapo e giochi di abilità presentati da Psiquadro. Per la prima volta, tutte le attività saranno documentate in tempo reale e dal vivo dal collettivo Becoming X, attraverso un comic reporting della manifestazione realizzato dai disegnatori, mentre venerdì 30 settembre, presso Impact 0 Beach Bar, presenteranno il loro spettacolo di live drawing e dj set.

L’Isola di Einstein sarà per due sere il punto di partenza per l’esplorazione dello Spazio e dei fenomeni più affascinanti dell’Universo. Si comincia venerdì 30 agosto con due appuntamenti speciali: per la prima volta sul Trasimeno saranno organizzate crociere astronomiche, in collaborazione con INAF, Osservatorio Astronomico della Valle d’Aosta e Planetario Ignazio Danti di Perugia, con Stefano Sandrelli, responsabile didattica e divulgazione dell’INAF, e lo scienziato e divulgatore Lorenzo Pizzuti.

Partenza in barca dal molo di San Feliciano alle 20.30 e alle 22.00, per prendere il largo lontano dall’inquinamento luminoso: nel corso della navigazione si ascolteranno storie di pianeti e lune, per poi fermarsi in mezzo al lago a osservare le stelle, sotto la guida esperta di un astronomo. Sull’Isola, sempre venerdì 30, l’appuntamento è invece con lo storico, divulgatore e youtuberAdrian Fartade che accompagna il pubblico alle 21.30 alla scoperta della storia dell’Apollo 11 nella conferenza spettacolo ‘Un piccolo Grande Passo’. Sabato 31 agosto alle 21.15 sarà la volta de ‘L’Universo in una scatola – Racconto in musica fuori e dentro il palco’, a cura dell’INFN. Tra fisica delle particelle, fusione di stelle ed eventi cosmici impressionanti, si dipanerà un dialogo tra lo scienziato Fernando Ferroni, l’attrice Maria Giulia Scarcella e le improvvisazioni musicali della Banda dell’Uku.

Da sempre attento all’ambiente, in particolare alla sua esclusiva location, collocata all’interno del Parco Regionale del Trasimeno, l’Isola di Einstein da quest’anno annovera tra le collaborazioni quella con l’Agenzia Regionale per la Protezione Ambiente dell’Umbria (Arpa), che sull’Isola Polvese ha creato il Centro Cambiamento Climatico e Biodiversità in ambienti lacustri e aree umide. Il centro sorge nell’area dell’ex convento degli Olivetani, nella parte alta dell’Isola, e ospiterà spettacoli, presentazione di libri e attività dedicate al tema della sostenibilità e del territorio, all’esplorazione dell’Universo oltre che allo studio della Terra. Attività realizzate in collaborazione con Feltrinelli, INFN, INGV e con la collaborazione speciale del collettivo di Lercio, che sabato 31 agosto, alle 19.00, offrirà un’insolita chiave di lettura della vita di Einstein nel dialogo tra Pietro Greco e Stefano Pisani. Presso il centro Arpa Umbria saranno inoltre allestiti dei “ristori sostenibili”, in collaborazione con Qui da noi – Cooperative Agricole, Oleificio Cooperativa Progresso, Cooperativa Pescatori del Trasimeno, Duca della Corgna Cantina del Trasimeno, Birre del Trasimeno e GAL Trasimeno Orvietano.

La costa orientale dell’Isola Polvese ospiterà invece l’Einstein Village, con una serie di attività a ciclo continuo dedicata allo sport nel suo legame con la scienza e con la salute: dalla fisica del vento scoperta attraverso la barca a vela alle forze sperimentate con l’uso dei kite-surf o in prove di arrampicata.

Lo sport come fonte di benessere e possibile strumento di lotta contro il cancro è un altro dei temi presenti in quest’area, grazie alla collaborazione con Avanti Tutta Onlus: proprio in occasione dell’Isola di Einstein, infatti, si terrà l’anteprima degli Avanti Tutta Days, in programma il 7 e 8 settembre 2019 a Perugia. All’interno dell’anteprima è prevista anche una “Camminata solidale” (sabato 31 agosto, ore 16.30), in collaborazione con Piedibus, La Via del Trasimeno – Associazione Camminare guarisce, Avanti Tutta Onlus, Pink is good – Fondazione Umberto Veronesi.

A un mese dalla Notte Europea dei Ricercatori, uno dei più grandi eventi europei dedicati al valore della ricerca, in programma il 27 settembre in oltre 300 città di tutta Europa, l’Isola di Einstein ospita un’anteprima nazionale delle Notti che si svolgeranno in Italia. Saranno sull’isola i rappresentanti di quattro progetti nazionali finanziati dalla Commissione Europea nel quadro delle azioni Marie Curie: i ricercatori dei progetti B-Future, coordinato da Fondazione Neuromed, il progetto Bright guidato dall’Università di Siena, il progetto Society coordinato dal Centro di Supercalcolo CINECA e Sharper coordinato da Psiquadro in 12 città italiane. Negli spazi dell’Einstein Village dedicati, si svolgeranno attività e laboratori sulle neuroscienze, sull’osservazione e lo studio del sole, sulle nuove tecnologie applicate allo studio della nostra struttura ossea, sull’ecologia degli ambienti lacustri, nei quali raccogliere anche importanti informazioni sui cambiamenti climatici. La ricerca sarà anche protagonista della FameLab Einstein Cup, una gara organizzata in collaborazione con British Council Italia in cui si sfideranno i famelabbers delle precedenti edizioni, con le stesse regole di FameLab ma con più tempo per l’approfondimento e il divertimento.

L’Isola di Einstein è un evento interamente gratuito, a eccezione delle crociere astronomiche (biglietto intero 10 € / ridotto fino ai 10 anni 5 €; prenotazioni: 0754659547 / 3486976450). Il servizio pubblico di navigazione a pagamento gestito da Busitalia collega l’Isola Polvese tramite traghetti in partenza da San Feliciano e da Castiglione del Lago, secondo gli orari disponibili al link  http://bit.ly/traghetti-isoladieinstein2019.

L’Isola di Einstein è un evento realizzato da Psiquadro in collaborazione con Confcooperative Umbria, ARPA Umbria, Provincia di Perugia, Comune di Castiglione del Lago, Comune di Magione, Busitalia, Cooperativa Pescatori del Trasimeno, Oasi Naturalistica La Valle, GAL Trasimeno Orvietano, Umbrò e Bcc Umbria Credito Cooperativo. L’evento è realizzato con il contributo e la collaborazione di INAF, INFN, INGV, Sezione di Perugia dell’INFN e Dipartimento di Fisica e Geologia dell’Università degli Studi di Perugia e con il patrocinio di Istat ed EuroScience Open Forum – Esof ed è evento ufficiale ProEsof. Per la prima volta, l’Isola di Einstein inaugura la mediapartnership con Rai Cultura, che va ad affiancare Radiophonica e Umbria Radio.

Eventi in Umbria

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Solve : *
18 ⁄ 9 =