Rotatoria Magione. Parere favorevole dalla Conferenza dei servizi

Si conclude l’iter burocratico di una delle opere pubbliche più rilevanti per la sicurezza e lo sviluppo economico dell’area industriale del comune

Svincolo_Bacanella_Magione
Svincolo_Bacanella_Magione

Con il parere favorevole della Conferenza dei servizi al progetto per la riqualificazione dello svincolo di Magione sul raccordo Perugia-Bettolle si conclude l’iter burocratico di una delle opere pubbliche più rilevanti per la sicurezza e lo sviluppo economico dell’area industriale del comune di Magione.
Il progetto definitivo, oggetto dell’accordo di programma tra Comune di Magione, Regione dell’Umbria e Provincia di Perugia prevede, con il primo stralcio, la realizzazione della rotatoria stradale all’uscita di Magione del raccordo Perugia_Bettolle con relative opere e infrastrutture necessarie e, con il secondo, le sedi stradali di connessione con la viabilità pubblica in funzione dell’urbanizzazione e dell’esecuzione di interventi edilizi a destinazione commerciale.
La copertura finanziaria, pari a circa un milione di euro, sarà garantita da contributi privati, finanziamento regionale e oneri di costruzione di spettanza comunale.

«L’infrastruttura – fanno sapere il sindaco Giacomo Chiodini e l’assessore ai lavori pubblici del comune di Magione, Nazareno Annetti –  è stata riconosciuta strategica da tutti gli enti, come dimostra anche il contributo di 200mila euro dato dalla Regione dell’Umbria al progetto». «Si tratta infatti – proseguono – di un nodo viario che intrecciando, oltre al raccordo autostradale, le strade regionali 75bis e 599, ha visto negli anni un incremento notevole di traffico come rilevato anche dagli studi fatti sui flussi di traffico della zona». «Con quest’opera – spiegano – non solo si migliora la viabilità e la sicurezza stradale ma, grazie anche ad altre importanti opere infrastrutturali che hanno riguardato quest’area – metanizzazione e rete in banda larga – si punta al rilancio del comparto commerciale della zona di Bacanella».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*