Giacomo Chiodini presidente Unione dei Comuni del Trasimeno

Giacomo Chiodini presidente Unione dei Comuni del Trasimeno

Giacomo Chiodini presidente Unione dei Comuni del Trasimeno PACIANO – Nessun compenso. Nessun rimborso spese: tutto su base volontaria, ma con obiettivi fondamentali per il Trasimeno. L’Unione dei Comuni è un’associazione tra enti locali di cui fanno parte tutti i sindaci del lago e che dal 25 luglio – per alternanza statutaria – mi trovo a guidare come presidente neoeletto in quest’ultimo anno di mandato. Lo scopo è quello di gestire insieme, dove possibile, i servizi comuni (turismo, politiche sociali, gare di appalto, ecc.) e tentare di riportare al lago le competenze in capo alla Provincia come demanio, porti e darsene. L’Unione è un ente orgogliosamente “light”, in pratica privo di dipendenti propri e di spese organizzative. Anche se leggera l’Unione può però fare molto per le comunità che rappresenta, sia per i cittadini che per le amministrazioni locali associate. Il cambio di presidenza – dopo l’istituzione dell’Unione sotto il sindaco di Città della Pieve Fausto Scricciolo – risponde alle norme statutarie che individuano come temporaneo e ciclico l’incarico di direzione.

La scelta di Magione, con la presidenza al sindaco Giacomo Chiodini, e di Passignano, con la vicepresidenza al neo primo cittadino Sandro Pasquali, rappresentano quindi una normale turnazione. Su cosa lavorerà nei prossimi mesi l’Unione e a che punto si è arrivati fino ad ora in termini di condivisione, e quindi di razionalizzazione, delle funzioni amministrative? Facciamo in breve il punto.

L’Unione, i servizi associati fino ad oggi Stando agli aspetti meramente tecnici – di quelli politici diremo più oltre – l’Unione, ad oggi ha visto confluire sotto la propria competenza le seguenti funzioni: turismo e promozione turistica; progettazione e gestione del sistema locale dei servizi sociali ed erogazione delle relative prestazioni ai cittadini; lotta al randagismo; progetti di sviluppo d’area vasta e accesso a linee di finanziamento dell’Ue, con particolare attenzione all’intervento territoriale integrato (Iti) Trasimeno attivato dalla Regione Umbria; gare e appalti tramite la centrale unica di committenza; osservatorio verso rifiuti zero comprensoriale; nucleo di valutazione posizioni organizzative (entro fine anno). Alcuni di questi erano prima incardinati nelle modalità del comune capofila, assetto tipico degli ambiti sociali a livello regionale. Il passaggio da questa formula a quella dell’Unione cambia completamente il livello decisorio che trova il suo momento all’interno della giunta, di cui sono parte tutti i sindaci, anziché nella conferenza dei sindaci su proposta del sindaco capofila. In questo modo le decisioni sono più partecipate, consapevoli e la responsabilità più diffusa. Nelle scelte più importanti, in base allo Statuto e alla normativa sugli enti locali, viene coinvolto il consiglio dell’Unione dove hanno parte anche le minoranze dei diversi comuni.

“Città del Trasimeno”, quel ruolo politico per far “pesare” la nostra “particolarità” Il numero di funzioni associate e da associare sotto la competenza dell’Unione è un elemento fondamentale per aumentare l’omogeneità amministrativa del territorio e quindi – di riflesso – anche il peso istituzionale e politico. Più l’Unione è forte più è forte la voce del Trasimeno, troppo spesso marginale nelle dinamiche regionali e ancor più in quelle nazionali. Un peso politico per fare cosa? Per riconoscere uno status specifico al Trasimeno, quarto bacino d’Italia e primo dell’area peninsulare. Il lago è particolare perché la sua gestione, dall’antichità fino allo Stato della Chiesa, dall’unità d’Italia fino alla drammatica siccità degli anni Cinquanta del Novecento, ha avuto regole e ragioni del tutto autonome e peculiari.

Oltre a viabilità, sanità, istruzione, sicurezza ed economia – comuni a tutti i territori dell’Umbria – il Trasimeno porta con sé la gestione stessa del bacino. Quali elementi da governare possiede il nostro territorio che nessun altro ha? Proviamo a fare un elenco sommario: pesca professionale, ripopolamento ittico, pescicoltura, pesca sportiva, navigazione da diporto e trasporto pubblico navale, polizia lacuale; gestione dell’ecosistema, con controllo sulla proliferazione di alghe, chironomidi, animali nocivi e specie ittiche alloctone o infestanti, nonché tutela dell’avifauna migratoria; darsene, pontili, dragaggio fondali, fenomeni d’interramento graduale del bacino, concessioni demaniali, manutenzione sponde pubbliche o private, salvaguardia del canneto e del suo ecosistema; bonifica reticolo idrogeologico, gestione del livello delle acque e controllo della qualità delle stesse; amministrazione e regolamentazione del parco naturale e delle isole; applicazione dei vincoli naturalistici (direttive europee), paesaggistici (soprintendenza) e idraulici (autorità bacino del Tevere); promozione del turismo e di un’economia eco-sostenibile basata su agricoltura di qualità, percorsi ciclo-pedonali, sport acquatici. Tanti temi, molti dei quali esclusivamente ricadenti in questa zona dell’Umbria, sui cui l’Unione vuole giocare la sua parte; sia amministrativamente che politicamente. Gli intenti sono riportati in un documento, firmato anche da molte associazioni ed imprese, depositato in sede di partecipazione al nuovo piano del parco del Trasimeno: leggi qui.

Prossimi obiettivi Unione: ottenimento deleghe sul lago dalla Provincia In prospettiva – è l’ambizione dell’Unione dei Comuni riportata nel suo Statuto – si vorrebbero associare anche le seguenti funzioni comunali: “ufficio unico per i procedimenti disciplinari; controllo di gestione; servizi informatici e telematici in rete”. I comuni aderenti – sempre sulla base dello Statuto – hanno inoltre manifestato l’interesse a “promuovere la condivisione di politiche nelle seguenti materie […]: sicurezza e coordinamento della polizia locale; tributi comunali; pianificazione urbanistica e della governance territoriale”. In ultimo lo Statuto richiama la funzione di “tutela e salvaguardia del lago Trasimeno e del bacino imbrifero relativo ai corsi d’acqua del territorio dei Comuni aderenti”, che rappresenterebbe il passaggio sotto le funzioni dell’Unione di competenze a tutt’oggi in capo a Provincia di Perugia ed ex Comunità montana; tra queste la gestione del demanio lacuale del Trasimeno e delle darsene, nonché gli interventi idraulici di bonifica, in particolare sul reticolo demaniale (fossi di rango demaniale). Sull’acquisizione di queste nuove deleghe – nell’ottica di superamento del campanilismo locale tipico dei nostri borghi – l’impegno della nuova presidenza dell’Unione sarà massimo.

Giunta dell’Unione dei Comuni, distribuzione delle deleghe tra i sindaci 

  • Giacomo Chiodini, presidente: rapporti istituzionali, comunicazione e politiche rifiuti e Osservatorio verso rifiuti zero;
  • Sandro Pasquali, vicepresidente: ambiente e lago Trasimeno;
  • Fausto Scricciolo: fondi Iti e personale;
  • Giulio Cherubini: ambito sociale e nuove funzioni da associare;
  • Riccardo Bardelli: bilancio;
  • Sergio Batino: turismo;
  • Roberto Ferricelli: rapporti con Provincia di Perugia e Regione Umbria;
  • Patrizia Cerimonia: cultura ed eventi

Cristian Betti In bocca al lupo Giacomo. Come Corciano siamo molto interessati all’ evoluzione di questa importante realtà, anche per il ruolo di connessione fra il Perugino e la bassa Toscana che Corciano vuole giocare. Non posso negare che vogliamo anche verificare ogni possibilità affinché Corciano possa essere parte integrante di questo percorso. Intanto inizieremo subito con un protocollo con il Comune di Magione per la valorizzazione dell’ area di Taverne e Bacanella

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*