Panicale, sicurezza urbana, 90.000 euro per progetto di videosorveglianza

 
Chiama o scrivi in redazione


Panicale, sicurezza urbana, 90.000 euro per progetto di videosorveglianza

Panicale, sicurezza urbana, 90.000 euro per progetto di videosorveglianza

Un progetto da 90.000 euro per il completamento di uno dei sistemi più innovativi di controllo del territorio. Con la pubblicazione avvenuta il 31 dicembre scorso della graduatoria da parte del Ministero dell’Interno dei progetti di videosorveglianza comunale ammessi a finanziamento, per il Comune di Panicale si aggiunge l’ultimo tassello di un importante disegno di sicurezza integrata, avviato negli ultimi anni.

© Protetto da Copyright DMCA

Panicale risulta essere il primo degli oltre venti Comuni umbri ammessi a finanziamento nell’ambito del bando nazionale emanato dal Ministero dell’Interno in materia di sicurezza delle città. Potrà così contare su risorse complessive pari a 90.000 euro che, come annuncia il sindaco Giulio Cherubini, saranno impiegate per portare a compimento il sistema integrato di controllo, per il monitoraggio del territorio e a supporto delle azioni delle forze dell’ordine. Sistema che a detta del primo cittadino è molto apprezzato dalle stesse forze dell’ordine con cui l’Amministrazione comunale collabora, e che sta già dando i suoi frutti.

Sul territorio comunale di Panicale il progetto di videosorveglianza è partito negli anni scorsi grazie alle risorse derivanti da un bando regionale a cui l’Amministrazione aveva partecipato. Ma il suo completamento è adesso affidato appunto alle nuove risorse ministeriali appena comunicate.

Al fine di poter accedere a questo secondo bando il Comune di Panicale nel giugno del 2018 aveva sottoscritto il “Patto di attuazione per la sicurezza urbana” con la Prefettura di Perugia per “prevenire e contrastare fenomeni di criminalità diffusa e predatoria, attraverso servizi e interventi di prossimità”.

“Con le nuove significative risorse a nostra disposizione – commenta Cherubini – entro il 2021 procederemo con il completamento del sistema, andando ad installare nuovi dispositivi di controllo in prossimità dei punti di uscita e di accesso al nostro territorio comunale. Per questo progetto ringrazio l’Ufficio di Polizia locale guidato dal tenente Verga e gli assessori Sordi prima e Coppetti poi che ci hanno creduto molto”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*