Al Giardino del Pomarancio le opere prime di Leila Nunes e Paolo Papalini

Al Giardino del Pomarancio le opere prime di Leila Nunes e Paolo Papalini

Martedì 10 agosto alle ore 18 il Giardino del Pomarancio, eletto principale luogo della cultura dell’estate castiglionese 2021, ospiterà la presentazione in musica delle opere prime della brasiliana Leila Nunes e di Paolo Papalini, coppia nella vita e nella vita artistica con il “Duo Chorobodò”: Il “Duo Chorobodó, composto da Paolo Papalini alla fisarmonica e da Leila Nunes alle percussioni brasiliane, da dieci anni porta la propria musica e le proprie storie per le strade dei festival di tutta Italia e all’estero.

Oltre a suonare musica brasiliana e italiana, molta scritta da loro stessi, i due artisti sono anche autori di libri per bambini ed adulti. Tutto interpretato con la modalità antica del cantastorie, affabulando la musica e le parole con disegni e testi, creando quel mondo magico che solo la poesia sa far sorgere. «Il nostro duo è attivo con vari progetti musicali – spiega Paolo Papalini – progetti che spaziano dalla musica popolare toscana ed italiana, ai cantautori, fino alla musica brasiliana. Tra questi progetti c’è pure il lavoro di cantastorie, fatto con i disegni alla modalità siciliana, anzi alla spagnola, con i disegni “a scorrimento”, invece del pannello unico con più disegni tipico della Sicilia».

Le storie sono scritte da Paolo Papalini e sono arrangiate musicalmente con fisarmonica e percussioni brasiliane, inspirandosi alla tradizione musicale italiana ed al ricco patrimonio popolare brasiliano, soprattutto ai generi dello Choro, del Forró e del Frevo. «L’ultimo nostro racconto di cantastorie è dedicato alla vita in mezzadria, raccontata attraverso la canzone popolare toscana da noi arrangiata in chiave brasiliana, oltre a pezzi nostri.

Si tratta della storia di un bambino nato in mezzadria nel sud della Toscana negli anni 40 del XX secolo e che accompagna questo mondo rurale con i gesti della sua quotidianità. Questo lavoro è stato pensato per far conoscere ai bambini del nostro tempo quel mondo rurale da cui molti di loro traggono origine e per far ricordare a molti dei loro nonni il tempo della loro infanzia dove, in quel mondo rurale di mezzadria sono cresciuti».

Martedì pomeriggio la coppia presenterà due nuovi libri. “Poesie dall’altra parte del mondo” di Leila Nunes è un libro di poesie bilingue tutto illustrato. Pieno di versi, rime, colori e sapori che echeggiano da un Paese tropicale. La magia di una terra piena di giochi, di saudade, di musica e carnevale ci trasporta là, dall’altra parte del mondo, in Brasile per la precisione, terra di origine dell’autrice che, attraverso la poesia, ci racconta un po’ della cultura popolare del suo Paese e dei suoi ricordi d’infanzia. Leila è brasiliana di Pernambuco, nel nordest del Brasile. Laureata in disegno grafico, lavorava in una casa editrice universitaria prima di lasciare il suo Paese. Dal 2013 vive in Italia, dove ha fondato il “Duo Chorobodó” (www.facebook.com/Chorobodo) con suo marito Paolo.

“Poesie e racconti dal mondo dei sogni” di Paolo Papalini che ha speso quasi metà della sua vita fuori dall’Italia, lavorando e viaggiando in molti Paesi. Ma ha avuto sempre ad accompagnarlo dei fantasmi, a volte buoni, a volte no. Questo libro ha le sue fondamenta sia nei sogni ed incubi persistenti dell’autore, che nel suo modo geografico di vedere e vivere la vita. Le poesie aprono il libro, introducendoci all’universo poetico dell’autore. I racconti sono però la vera anima del libro stesso, storie in cui i personaggi principali viaggiano in un tempo oltre la morte, ed in uno spazio aldilà della geografia usuale.

Conduce l’evento la giornalista Elena Teatini. L’iniziativa, a ingresso libero, è curata e sostenuta da Lagodarte Impresa Sociale: per accedere a questo e a tutti gli eventi alla Rocca Medievale occorre esibire il “green pass” (accompagnato da un documento d’identità): sono esclusi i minori di anni 12. Info prenotazione allo 075 951099 oppure al 338 8669714.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*