Il Sistema museale del Trasimeno fa il punto su risultati e prospettive

Verranno presentati gli effetti di un anno di attività che ha visto insieme sei musei e oltre trenta spazi culturali

Sistema museale del Trasimeno

Il Sistema museale del Trasimeno fa il punto su risultati e prospettive

Ad un anno esatto dal lancio del portale Terre del Perugino, sabato 13 aprile, alle ore 10.30 presso il Museo Della Pesca, San Feliciano, Magione, il soggetto gestore della rete museale del Trasimeno – insieme alle amministrazioni comunali coinvolte – presenta i risultati della propria attività e dei principali strumenti tecnici e operativi messi in campo per la valorizzazione dei patrimoni culturali e la promozione turistica integrata.

Il brand “Terre del Perugino-Trasimeno musei” include oltre trenta strutture tra musei, archivi storici, teatri, biblioteche, spazi espositivi, siti archeologici, chiese e punti di informazione turistica, distribuite in sei Comuni (Comune di Magione, Città della Pieve, Corciano, Paciano, Panicale, Piegaro), affidate ad un unico soggetto gestore e visitabili con un unico biglietto d’ingresso.

Sistema museale del Trasimeno – prima fase
In questa prima fase, oltre ad assicurare un solido impianto gestionale degli spazi, la rete ha prodotto una serie di iniziative culturali, in stretta sinergia con le amministrazioni comunali, diventando un modello di promozione territoriale, interprete di buone pratiche riproducibili in diversi contesti, partner strategico per la coprogettazione e organizzazione di eventi e manifestazioni, vettore di una promozione integrata del territorio che passa per un’unica cabina di regia e di coordinamento tecnico e programmatico. ️
L’adozione di modelli sperimentali ed elastici nella programmazione di visite guidate ed attività ha portato alla realizzazione di numerosi prodotti culturali in linea con i trend del consumo turistico e con la crescente domanda di personalizzazione dell’esperienza di visita per i diversi target di pubblico.

Un appuntamento importante, rivolto a operatori culturali, istituzioni locali, associazioni del territorio, stakeholder economici e non solo, teso ad analizzare l’efficacia di quanto messo in campo finora, e a condividere una riflessione aperta sulle strategie future per la valorizzazione della rete museale quale cornice programmatica di promozione territoriale.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*