“Via europea della seta”, Faro Trasimeno mette a dimora 60 piante di gelso

Accanto al Museo contadino di San Felice. Un impegno preso a dicembre con il Consiglio d’Europa

Via europea della seta Faro Trasimeno mette a dimora 60 piante di gelso

“Via europea della seta”, Faro Trasimeno mette a dimora 60 piante di gelso

Il gelso torna a ripopolare Castiglione del Lago. E’ iniziata nei giorni scorsi, presso l’area verde di San Felice a Sanfatucchio, la piantumazione di sessanta esemplari di questa essenza, così tanto presente nel paesaggio umbro e lacustre nei secoli scorsi.

L’iniziativa è ad opera dell’associazione Faro Trasimeno e nasce a seguito del convegno “Via europea della seta”, organizzato lo scorso 18 dicembre in collaborazione con la Sede italiana del Consiglio d’Europa, presso il Museo contadino “Il granaio della memoria”.


Fonte: Provincia di Perugia


Ulteriore tappa verso la certificazione da parte del Consiglio d’Europa di questo nuovo itinerario culturale, l’incontro rientrava tra gli eventi preparatori, con lo scopo di porre anche l’Umbria fra le regioni interessate al progetto, inserendo così il passato serico della regione in un contesto storico e culturale ampliato.

Il baco da seta è stato oggetto di approfonditi studi fin dall’antichità per il valore economico che ha avuto e continua ad avere nelle filiere produttive tessili a livello agricolo ed industriale. Le innumerevoli conoscenze che sono andate accumulandosi nel corso dei secoli hanno permesso un raffinato controllo della biologia di questo insetto di cui è stato sequenziato il genoma e che è stato utilizzato come organismo modello per analizzare svariati meccanismi legati alla fisiologia, alla genetica, alla nutrizione, alla chimica e alle scienze della vita in generale.

Al convegno di dicembre sulla futura “Via europea della seta”, presieduto dalla Direttrice della Rappresentanza italiana del Consiglio d’Europa a Venezia Luisella Pavan-Woolfe, sono stati invitati relatori che si occupano di sericoltura in chiave moderna o tradizionale e la comunità scientifica impegnata nella ricerca. “Si è così cercato – spiega la direttrice di Faro Trasimeno Mariella Morbidelli – di dare una visione organica della sericoltura, creando nuove connessioni o consolidando quelle già esistenti tra i diversi settori che gravitano intorno a questo affascinante insetto”.

L’obiettivo del progetto “Via europea della seta”, che sta gradualmente interessando diverse regioni italiane ed europee, è promuovere percorsi culturali per giovani e adulti e potenziare lo sviluppo di un turismo culturale partecipativo e sostenibile.
Intanto Faro Trasimeno sta dando il proprio contributo di idee e iniziative. Come appunto quella di mettere a dimora nuove piante di gelso. “Nel nostro territorio – riferisce ancora Morbidelli – all’epoca dei Della Corgna e fino agli anni ’50 del secolo scorso si coltivava questa pianta e molte famiglie si occupavano di bachicoltura per arrotondare i loro magri stipendi. In questo modo vogliamo riprendere le fila della tradizione e provare a gettare le basi per future attività”.

Le piantine sono state acquistate dal Laboratorio del cittadino e provengono da un vivaio di Padova che collabora con il CREA (Consiglio per la ricerca in agricoltura e l’analisi dell’economia agraria).

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*