Donne premiate a Città della Pieve, le iniziative

Donne premiate a Città della Pieve, le iniziative

Donne premiate a Città della Pieve, le iniziative
Nell’occasione sono stati anche presentati gli incontri formativi 

Grande successo domenica a Città della Pieve per l’iniziativa “Lei è … Donna”, giornata interamente dedicata all’universo femminile. Domenica 6 Marzo nella Sala Grande di Palazzo della Corgna alle ore 16.30 dopo il saluto del sindaco Fausto Scricciolo e gli interventi degli assessori Barbara Paggetti al sociale e formazione e Carmine Pugliese alla cultura e turismo, sono stati consegnati riconoscimenti a quattro donne di Città della Pieve che si sono particolarmente distinte per loro attività sociali e culturali. In particolare è stato omaggiato il ricordo di Serenella Baglioni la cui recente scomparsa è stata un dolore per Città della Pieve che ha voluto ricordarla per il suo impegno amministrativo e nel mondo sportivo dagli anni ’90 fino alla sua prematura scomparsa.

Sono state poi consegnate targhe ad Adele Modesti, giovanissima donna che contro una grave malattia ha mostrato tutto il suo coraggio diventando anche un esempio per tante altre persone, ad Elsa della Lena da sempre attiva nell’associazionismo e nel volontariato pievese e a Daniela Barzanti, ex amministratrice che tanto ha fatto e continua a fare per la vita culturale della comunità.

Nella stessa giornata, nelle prestigiose sale di Palazzo della Corgna, all’interno della cornice di eventi organizzati per la Giornata della Donna, l’Amministrazione comunale, in accordo con Assessorato alla Cultura e Assessorato alle Politiche Sociali, ha inaugurato la mostra di arte “Mille e Una Donna” , curata da Elda Cannarsa. In rassegna le opere della giovane e promettente fotografa Laura Bucciarello, e di Doru-Emil Andrii, Gianfranco Gobbini, Giorgio Bronco, Guido Fei, Marco Perli, e Perseo Santiccioli, stimati artisti che da anni operano con successo nel territorio umbro e toscano. La mostra sarà visitabile fino al 17 marzo.

Donne

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*